Covid- 19, Lequile piange un concittadino

LEQUILE –Il Salento piange un’altra vittima.  Questa volta sotto shock è la comunità di Lequile. Il Sindaco, Vincenzo Carlà, in un post su facebook scrive “In queste ore di Passione e Morte di Cristo la nostra comunità piange la prima vittima di questo nemico  invisibile. Ci stringiamo intorno ai familiari che in totale solitudine affrontano questo triste momento”. Con il pensiero a “tutti i concittadini morti in quest’epoca di pandemia che non hanno potuto avere l’ultimo saluto terreno” . La vittima, risultata positiva nei giorni scorsi al Covid, è un’anziana donna, residente a Lequile, ma da tempo domiciliata al Nord, in una clinica.

Si aggiunge alla triste conta dei morti, che continua a restare alta. Nel Leccese, dall’inizio dell’emergenza, se ne contano 54 su 238 in tutta la Puglia. Quasi un pareggio rispetto ai guariti, 235.

Il bollettino regionale delle scorse ore contava 27 nuovi positivi nel Salento, di cui ben 17 nel Brindisino dove si raggiunge quota 316 e l’incidenza degli ultimi giorni resta alta rispetto a Lecce, che registra il +8 con 403 positivi, e a Taranto, che segna +2 e che con 208 contagi è il territorio meno esposto di tutta la Puglia. Nella giornata di ieri su 1.724 test per l’infezione: 93 i casi positivi, per un totale di 2.809. La percentuale dei nuovi contagi sul totale dei tamponi processati, è del 5,39 per cento.

Continua a destare preoccupazione il nord della regione: +16 casi a Bari, che con complessivi 886 positivi resta la provincia più colpita; +20 casi a Foggia, per un totale di 721, secondo territorio più flagellato. La Bat, finora ultima, scavalca Taranto: con gli ultimi 31 positivi, fa salire il bilancio a 243.

La geografia del contagio vede il ritorno di almeno un caso a Carpignano Salentino e il primo caso a Torchiarolo. Si aggrava la situazione a Mottola e soprattutto a Ceglie Messapica, dove a pesare è la situazione all’interno del centro di riabilitazione San Raffaele.

E’ stata la stessa fondazione a far sapere che si contano complessivamente 32 persone positive al tampone: 22 sono pazienti e 10 gli operatori, compreso il primario della struttura. Il primo positivo venne rilevato il 22 marzo, un fisioterapista. Si attendono ancora gli esiti degli ultimi tamponi.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*