Covid frena, ma raddoppiano i casi gravi. I dati comune per comune: 88 contagi nella rsa di Soleto

BARI- Stando ai dati degli ultimi giorni, il Coronavirus frena la sua avanzata anche in Puglia: oggi, su 1053 tamponi analizzati, sono stati 58 quelli positivi, di cui 21 nelle tre province salentine. Sfiora il raddoppio, però, all’improvviso, la percentuale dei ricoverati in gravi condizioni, cioè nello stato clinico peggiore, quello “severo”: si è passati dal 12,2 per cento di ieri al 22,6 per cento documentato nel bollettino regionale pomeridiano.

Si registrano un decesso a Lecce, il 40enne di Surbo che è la vittima più giovane finora nel Salento, e due a Brindisi, oltre a sei a Bari. Si raggiungono, così, i 173 deceduti.

Al momento, sono 2.240 i contagiati pugliesi, 94 i guariti. Ci sono ancora 912 cittadini in isolamento domiciliare e 780 persone ricoverate. E’ sempre Bari la provincia più colpita (762 casi, +21 nelle ultime ore), seguita da Foggia (546, +19 oggi). Poi il tris delle province salentine con in testa Lecce, con 362 positivi totali e tre contagi nelle ultime ore; poi Brindisi, con 234 casi totali di cui 16 in giornata; Taranto, con 180 positivi di cui due nelle ultime ore. Chiude la Bat (129, zero oggi).

 

Peggiora la situazione a Brindisi città, dove si superano i 51 positivi. Ci sono solo altri due comuni nel Salento nella stessa situazione: Soleto e Ostuni, dove l’exploit è stato determinato dalla catena di contagi determinatasi all’interno della rsa La Fontanella e nella comunità per minori Villaggio Sos. I nuovi casi nel capoluogo potrebbero non essere stati ancora notificati al Comune: il sindaco Riccardo Rossi, infatti, ha dato notizia di 40 positivi, di cui uno già guarito e 4 decessi. Altra spiegazione è che i dati siano comprensivi anche di degenti del Perrino con residenza in altri comuni.

In serata, la Asl leccese ha diffuso un report sulla situazione in provincia, riportando i dati per ognuno dei comuni interessati. C’è però un aggiornamento ulteriore, che deriva dall’incrocio di tabelle Asl e mappe del bollettino regionale: in queste ore, infatti, si è registrato almeno un caso a Sannicola, mentre a Taurisano si oscilla tra i 6 e i 10 casi. Lecce con 49 positivi e Copertino con 38 sono i comuni maggiormente colpiti, seguiti da Monteroni (16), Galatina (13), Nardò e Carmiano (12 a testa), Gallipoli e Leverano (11 a testa) e Surbo (10).

Qui i dati comune per comune: Report_04.04.2020 – Sintesi

L’azienda sanitaria dà anche altri dati importanti: sono ben 50 i sanitari che si sono contagiati, quasi la metà (46%) infermieri, seguiti da dirigenti medici (26%), tecnici della radiologia (10%) e oss (10%).

 

Il focolaio della rsa La Fontanella di Soleto è peggiore di quanto si immaginasse, visto che i casi tra anziani ospiti e operatori sono ben 88 (di cui 7 decessi); sono 43 in totale i morti in provincia, di cui 27 negli ospedali e il 35 per cento di loro è ultranovantenne. 

Sono al momento 13 i ricoverati in terapia intensiva, 105 i degenti a Lecce (Malattie Infettive Covid è il nuovo Dea, ndr), Copertino e Galatina.

 

Il 35 per cento dei casi di infezione riguarda la fascia d’età tra i 50 e i 59 anni, che è anche la stessa in cui si registra la maggiore percentuale di guariti, il 71 per cento. 21 in totale i cittadini che hanno superato l’infezione. Invertito poi il trend nazionale e regionale: qui sono state colpite più donne, il 55 per cento (198 in totale), rispetto agli uomini (45 per cento, 163 in totale).

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*