Bloccato a Dakar, Matteo ora è a casa: “Mi sono messo in gioco e ho vinto”

LEVERANO- “Mi sono messo in gioco e ho vinto”. Sono queste le parole di Matteo Muci, 19 anni, allievo ufficiale di coperta di Leverano,   bloccato da mesi nel porto di Dakar, che giovedì sera è finalmente tornato a casa. Il giovane salentino si trovava  a bordo della nave “Ro-Ro Grande Nigeria”, del Gruppo Grimaldi, ma il cargo era finito sotto sequestro dallo scorso giugno perché a bordo erano stati trovati 8 quintali di cocaina. L’equipaggio a cui apparteneva Matteo però non  aveva nulla a che fare con il ritrovamento. La società armatrice infatti, alla notizia del sequestro, ha deciso di sostituire il personale, inviando sulla nave persone nuove. I problemi sono sorti dopo che il nuovo equipaggio, durante delle manutenzioni, ha rinvenuto altra droga. A quel punto, le autorità locali hanno ritirato i passaporti a tutti. Da quel momento la situazione si è complicata, ma Matteo ha cercato sempre di restare ottimista, nonostante ci siano stati veri momenti di sconforto, sopratutto quando la libertà sembra essere sempre più lontana. Ma alla fine è andato tutto bene.

Nonostante qualche intoppo e paura di perdere il volo, è infatti  riuscito  a  rientrare a casa, dove però ha trovato un clima decisamente diverso da quello che aveva lasciato al momento della sua partenza. “C’è ansia qui in Italia -dice-  ma ovviamente non ho nessuno problema a rimanere chiuso in casa. Ora sono abituato”.  Ora Matteo  guarda con fierezza alla sua esperienza, perchè gli ha insegnato davvero tanto:  è più maturo, più forte, sa gestire la sua ansia e i momenti più delicati, sempre nella consapevolezza che solo rispettando le regole ogni battaglia può esser vinta, anche questa contro il Covid 19.

E.P.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*