Tap, Mattarella: “Favorisce stabilità e sviluppo. Pronti a nuove collaborazioni con Azerbaijan”

ROMA – Era il luglio 2018 quando il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella in visita in Azerbaijan rassicurava le autorità azere: Il gasdotto Tap si farà e devono essere rispettati i tempi previsti per la sua entrata in funzione” aveva detto. Al suo fianco il Ministro Moavero, che sulla protesta anti-gasdotto aveva rassicurato: “Avvieremo con i pugliesi un dialogo trasparente e non di facciata“.

Oggi è stato il Capo dello Stato italiano ad accogliere in casa sua il Presidente della Repubblica dell’Azerbaijan, Ilham Alyev, rimarcando quella posizione già assunta due anni fa e andando anche oltre, annunciando la disponibilità ad avviare ulteriori collaborazioni.

Con la conclusione dei lavori del TAP -ha detto Mattarella- non solo si intensifica la collaborazione tra l’Azerbaigian e l’Italia, ma si dà anche un contributo alla stabilità e allo sviluppo delle relazioni tra l’area del Caspio e l’area del Mediterraneo.Vorrei sottolineare -ha aggiunto- l’approccio positivo che l’Azerbaijan sviluppa sul piano energetico, con atteggiamento inclusivo di apertura e di collaborazione con tutti: è un esempio, nella comunità internazionale, che desidero sottolineare in questa occasione.Tra Italia e Azerbaijian -ha poi concluso- c’è una collaborazione intensa e crescente sul piano economico, molte aziende italiane collaborano con l’Azerbaijian allo sviluppo del Paese, altre sono pronte a farlo“.

Poi l’annuncio: “Il presidente Aliev e il suo governo hanno intenzione di diversificare la politica economica del Paese oltre il settore energetico e le nostre aziende sono pronte a collaborare – ha detto Mattarella – e i numerosi accordi che saranno firmati dimostrano la crescente collaborazione economica e commerciale. In questo ambito si inserisce l’impegno che abbiamo svolto per la realizzazione del corridoio meridionale del gas, con la conclusione dei lavori del Tap“.

Con l’incontro odierno è stata di fatto suggellata l’intesa nata 7 anni fa, quando il presidente azero scelse il corridoio meridionale (e non quello continentale) per portare in Europa il gas dei giacimenti del bacino di Shah Deniz.

E.Fio

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*