Droga e armi dall’Albania nel doppiofondo della barca, arrestato 45enne leccese

LECCE – Sulla Lecce-Torre Chianca, un fuoristrada trainava, su un carrello, una barca lunga sei metri. Tutto apparentemente normale, ma qualcosa ha insospettito la pattuglia della Guardia di Finanza che transitava proprio lì in quel momento. E infatti l’imbarcazione nascondeva mezza tonnellata di droga.

Lo scafo aveva un grosso motore fuoribordo e non aveva dati identificativi. Sono scattati gli accertamenti con la sala operativa del Comando Provinciale per risalire all’effettivo proprietario e/o al conducente del veicolo, risultato essere C.M., 44enne leccese, già segnalato per diversi precedenti in materia di traffico di stupefacenti, solito accompagnarsi con altre persone con gli stessi precedenti. I militari sono risaliti in breve tempo al domicilio dell’uomo per stabile se effettivamente per lui si trattasse di una semplice “giornata di pesca” oppure no. Nei pressi di Borgo San Nicola, in piena città di Lecce, i militari hanno idividuato un’abitazione, con annesso piazzale, in cui la barca era stata ricoverata e nascosta da occhi indiscreti dall’alto muro di cinta che circondava il plesso.

Le fiamme gialle hanno fatto irruzione, supportate dai colleghi del “servizio 117” inviati sul posto dalla sala operativa, e da un’unità cinofila.

All’interno del piazzale, tra mezzi d’opera e scarti di materiale edile, c’erano il fuoristrada e tre barche, tra cui quella individuata poco prima.

L’accurata ispezione delle fiamme gialle salentine ha permesso di scoprire, nel doppiofondo dello scafo, un enorme quantitativo di stupefacenti: 450 chili di marijuana suddivisa in 219 confezioni; 75 chili di hashish suddivisi in 31 panetti; 3 litri e mezzo di olio di hashish. Si pensa che la droga fosse arrivata dall’Albania. La perquisizione è stata estesa al resto dell’area adibita a officina e all’abitazione. Sono state così trovate anche armi e munizioni: due carabine calibro 4,5 con relativi cannocchiali, una pistola Beretta calibro 4,5, una pistola scacciacani calibro 8 priva di tappo rosso, con 23 cartucce, di cui 4 già inserite nel caricatore, una doppietta calibro 20, due proiettili calibro 9. L’uomo è stato arrestato.

“L’enorme quantitativo di stupefacente sequestrato -spiega la Finanza- fa presumere che potesse essere destinato a rifornire l’intero mercato locale e anche nazionale, come recenti indagini del G.I.C.O. del Nucleo di polizia economico-finanziaria di Lecce hanno dimostrato negli ultimi mesi, constatando come il territorio salentino rappresenti ormai un vero e proprio attivo crocevia nazionale dei traffici di droga provenienti dai Paesi rivieraschi”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*