Caos estimi, per evitarlo in futuro una mozione per rivedere le microzone

LECCE – La revisione delle microzone censuarie di Lecce: è questo che hanno chiesto, tramite una mozione urgente, i consiglieri di Palazzo Carafa Antonio Rotundo, Saverio Citraro, Lidia Faggiano e Paola Povero.

Come è noto, sulle microzone 1 e 2, si basano gli avvisi di accertamento catastale finiti, nei mesi scorsi, al centro della polemica e sfociati in una vera e propria battaglia giudiziaria avviata da tantissimi cittadini, anche tramite le associazioni in difesa dei consumatori. L’obiettivo della mozione è dunque quello di evitare che la stessa vicenda si ripeta in futuro.

Dacché “sussistono le condizioni previste per Legge per una revisione delle microzone e che la ridefinizione delle stesse è premessa di un nuobo possibile classamento che superi le odiose disparità di trattamento tra contribuenti” si impegna l’amministrazione comunale “a procedere alla revisione delle attuali microzone”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*