Salentina rientrata dalla Cina con sospetti sintomi coronavirus. Trasferita da Lecce a Bari

LECCE – I sintomi sarebbero quelli: tosse e febbre. Lei sarebbe rientrata dalla Cina da 10 giorni. Ovviamente è solo un sospetto di paziente contagiata da Coronavirus, ma tanto è bastato perché si attivasse il protocollo operativo. Una donna di un paese del sud Salento è stata trasferita dall’ospedale Vito Fazzi di Lecce a Bari, nel reparto di Malattie infettive del Policlinico, che è il centro regionale di riferimento. Qui saranno eseguite tutte le analisi specifiche da inviare allo Spallanzani, l’Istituto nazionale di Malattie infettive. Saranno poi avvisati il Ministero della Salute e i dipartimenti. Nel frattempo, vengono effettuate tutte le altre indagini del caso su tutti gli altri patogeni, poiché, nel momento in cui dovesse essere trovata una compatibilità con uno dei patogeni che hanno, si escluderebbe l’ipotesi Coronavirus e si attenderà, quindi, l’ennesima conferma dallo Spallanzani. Resta, lo ripetiamo e lo sottolineamo, solo un sospetto, dato dall’unione dei due fatti che la paziente sia stata recentemente in Cina e che abbia determinati sintomi. Aggiornamenti arriveranno nelle prossime ore.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*