La shoah e l’accoglienza nel Salento: in mostra documenti e foto

LECCE – Il telegramma con cui il ministro Alfieri intimava a giornali e periodici di non dare “più notizia del censimento degli israeliti che si sta eseguendo”, carte d’identità di persone deportate, appelli di chi cercava notizie di parenti scomparsi, e foto, tantissime, comprese quelle dei festeggiamenti all’arrivo nel “campo di transito” di Santa Maria al Bagno. C’è tantissima storia nella mostra “1938-1945 LA PERSECUZIONE DEGLI EBREI IN ITALIA. DOCUMENTI PER LA STORIA”, inaugurata nel complesso dell’ Ex Spedale dello Spirito Santo, attuale sede della Soprintendenza a Lecce, allestita in occasione della ricorrenza del Giorno della Memoria. Ci sono testimonianze della shoah, ma anche della rinascita degli ebrei che, finalmente liberi, hanno trovato nel Salento una calorosa accoglienza.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*