“Oltreconfine”, la Notte Bianca del “Ciardo-Pellegrino”

LECCE – Un momento di straordinaria unione, e l’occasione per mostrarsi anche agli altri. Di scena nelle scorse ore la seconda edizione della notte bianca del Liceo “Ciardo Pellegrino” che ha aperto le sue porte. Tema di quest’anno il “confine”. Il “Confine” inteso come limite è sempre stato nella storia del pensiero umano una linea fisica, spaziale, temporale ed immaginaria, sia esso da conservare o da superare. Una tematica di particolare interesse che unisce trasversalmente le generazioni ed il pensiero nell’affrontare e superare le proprie “Colonne d’Ercole” . Mai come in questa contemporaneità l’arte fornisce l’opportunità di attraversare i limiti e i confini del linguaggio tradizionale delle contrapposizioni io- tu, per accedere ad una potenziale unitarietà del noi. Lo spiazzamento, il conflitto, gli steccati, si diluiscono in un comune cammino che può portare all’incontro “oltre la siepe”.Una serata che ha visto la partecipazione di tutti. Nel museo all’interno dell’Istituto scolastico, la mostra arti figurative “con-figurazioni”, un’occasione per riflettere sulle possibilità trasversali ed espressive di supporti, tecniche e linguaggi con gli alunni impegnati “live” nel progetto creativo. Nell’atrio la mostra “The deep sound” , settentatre autoritratti degli studenti che hanno consentito un percorso visivo ed emozionale, oltre l’abitudine consolidata del selfie e oltre gli stereotipi dell’autorappresentazione, attraverso fotografia, disegno, pittura e tecniche miste. Ma sono stati tanti gli appuntamenti che hanno coinvolto e fatto riflettere.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*