Renzi: in Puglia un nostro candidato per non votare Emiliano

BARI – L’ex premier Matteo Renzi non sosterrà la candidatura di Michele Emiliano alle elezioni regionali del 2020. Italia Viva, dunque, proporrà un suo candidato presidente. L’annuncio è arrivato in diretta nella trasmissione “L’Aria che tira” in onda su La7.

“In Puglia non so se vinceremo o perderemo ma avremo un candidato diverso da Emiliano e da Fitto” ha spiegato Renzi. “Io guardo la storia e dico – ha continuato – la Puglia di Emiliano è la storia di una alleanza culturale tra il grillismo e quella parte di sinistra che non amo troppo. Ilva, ricordate cosa diceva di noi Emiliano? – ha proseguito – che ammazzavamo i bambini quando in realtà l’unico obiettivo era rimettere a posto l’acciaieria e dare finalmente benefici ambientali alla città di Taranto. Tap, se tu vuoi l’autosufficenza energetica devi portare il gas, la xylella, la Banca Popolare di Bari che secondo loro non doveva essere trasformato in spa.” Tutti motivi divisori che hanno reso impossibile l’accordo tra le parti, oltre ad un rapporto tra i due lacerato da anni.

Chi sarà, dunque, il candidato di Italia Viva? “Lo annunceremo a febbraio – ha chiarito Renzi – dopo le elezioni regionali in Emilia”. Ma, ha concluso, non sarà Teresa Bellanova che “fa il ministro, è la presidente di Italia Viva, non credo sarà la candidata”.

Non si è fatta attendere la replica del governatore Emiliano: “Lo sapevamo già“.

“Dopo le Primarie del 12 gennaio non abbiamo paura di niente – replica il presidente uscente -. Abbiamo dato vita ancora una volta a una giornata dedicata alla bellezza della politica. Non sono sorpreso che qualcuno non si senta parte di questa comunità. Lo sapevo da tempo e per questo avevo voluto a tutti i costi le primarie, nonostante fossi il presidente uscente, per impedire alle nostre divisioni umane di prevalere sull’unità di questa comunità. Una forza che si esprime nell’unità di migliaia di persone che hanno partecipato alle primarie – prosegue il governatore – nei sindaci che governano le nostre città, nelle piazze che si mobilitano contro la mafia, nei giovani che sfilano per difendere l’ambiente, nella marea di sardine che dicono no alla cultura leghista e razzista.
Noi andremo avanti con il contributo di tutti i pugliesi – conclude Emiliano – perché la Puglia non può essere fermata da niente e da nessuno. Rimaniamo aperti al mondo e alle persone che amano questa regione”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*