Armi, munizioni e droga: per nascondigli battiscopa e muretti. Due uomini in carcere

GAGLIANO DEL CAPO/ TRICASE- Armi e munizioni nascosti dietro al battiscopa della cucina, un muretto a secco trasformato in deposito di droga: è stato un vero e proprio blitz quello che nella mattinata di lunedì, tra Gagliano del Capo e Tricase, ha portato all’arresto di due persone. Si tratta di Rino Protopapa, 47 anni, e di Cosimo Vessio, di 33, entrambi in carcere, il primo con l’accusa di detenzione illegale di arma clandestina e detenzione ai fini spaccio di sostanze stupefacenti.

Rino Protopapa

Due operazioni separate, entrambe fruttuose per l’Arma: ad agire i militari delle stazioni di Gagliano e di Tricase, con l’impiego di una unità cinofila di Modugno e dello squadrone dei cacciatori Puglia con elicottero.

Cosimo Vessio

E’ la Procura ad aver disposto una perquisizione domiciliare nei confronti di Protopapa, a Gagliano: dietro il battiscopa della cucina, sono stati rinvenuti un fucile a canna mozza marca franchi cal. 12 con matricola abrasa e calciolo modificato, funzionante; la riproduzione di un mitragliatore “mp5” modello softair completo di caricatore, privo di tappo rosso; una pistola a salve marca valtro mod. 85 combat cal. 8 priva di tappo rosso con caricatore; trenta munizioni a salve cal. 8; 4 munizioni cal. 12 non denunciate; 21 cartucce cal. 12 vuote perché utilizzate, non denunciate; un bilancino di precisione marca “diamond” funzionante. In auto e nel cortile, poi, sono stati ritrovati un coltello di genere vietato e un’altra pistola a salve cal.8 mod. 92/auto priva di tappo rosso, con caricatore.

Subito dopo, i militari si sono spostati a Tricase, nella casa di Vessio, alla ricerca di armi e droga. Ben nascosti dentro un muretto a secco retrostante l’abitazione sono stati ritrovati quasi un chilo di cocaina, anche suddivisa in dosi, oltre 1,5 chili di hashish, bilancino, munizioni e bossoli di una magnum già esplosi. Nessun dubbio, per i carabinieri, che fosse tutto di Vessio: lo avevano pedinato nei giorni precedenti e avevano osservato i suoi spostamenti.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*