Continua la serie negativa: il Lecce perde anche a Parma

PARMA – Continua il periodo nero del Lecce che cade anche a Parma nell’ultima giornata del girone di andata in un Tardini clorato di giallorosso, col settore ospiti pienissimo.

Gli emiliani volano a quota 28 e girano la boa al 7° posto mentre i salentini restano a 15, ad un punto dalla zona retrocessione e adesso hanno l’obbligo di pianificare il girone di ritorno con idee chiare e con la consapevolezza che bisognerà accelerare un po’ per evitare inutili rischi, perdere questa categoria sarebbe un dramma sportivo per una società giovane che sta facendo sacrifici immani per tenere la squadra sui palcoscenici importanti.

D’Aversa sceglie Sepe in porta; Darmian, Iacoponi, Alves e Gagliolo sulla linea arretrata con Grassi, Hernani e Kucka in mezzo al campo a supporto del tridente formato da Kulusevski, Inglese e Kurtic.

Liverani senza Calderoni, Farias, Majer, Shakhov e Tabanelli decide di far esordire Deiola, ultimo arrivato, dal primo minuto in un centrocampo a tre con Petriccione e Tachtsidis, a protezione della difesa formata da Donati a destra, Lucioni e Rossettini centrali e Dell’Orco a sinistra, in porta Gabriel. A chiudere il reparto avanzato capitan Mancosu tra le linee a supporto di Falco e Babacar.

Arbitra il sig. Michael Fabbri di Ravenna.

Il Lecce parte bene e gioca con ottimo piglio ma non si rende mai veramente pericoloso, ci prova con Falco, Petriccione e Babacar ma sono tentativi sterili; così come il Parma che cresce con il passare dei minuti ma non fa male.

Nel secondo tempo il Parma rientra più cattivo e sblocca la partita al 57° con Iacoponi sugli sviluppi di un corner battuto da Iacoponi e raddoppia con Cornelius, entrato al posto di Inglese, al 72°che riprende la palla dopo una traversa colpita da Kucka e batte Gabriel.

Il Lecce prova la reazione e colpisce la traversa con Lapadula al 74° poi il Parma controlla la gara e mette in cassaforte tre punti importantissimi.

Termina dunque 2 a 0, dopo tre minuti di recupero, per i padroni di casa contro un Lecce generoso ma rimaneggiato e spuntato che perde la quarta gara consecutiva.

E termina così anche il girone d’andata.

PRIMO TEMPO – Parte forte il Lecce che prende subito le redini dell’incontro in mano con ottimo palleggio e pressing asfissiante ma il Parma appena riesce a sgusciare via ci mette il fisico e impensierisce gli avversari.

La gara è bella e si gioca su ritmi alti ed i padroni di casa crescono col passare dei minuti.

All’8° buon taglio di Kulusevski per Inglese ma il portiere del Lecce, Gabriel, sventa il pericolo.

Al 14° Parma pericoloso con Kucka che di testa, da buona posizione, manda di poco fuori.

Al 18° Falco ci prova dalla lunga distanza ma Sepe controlla senza problemi. Ed il fantasista di Pulsano ci riprova al 26° ma il portiere del Parma è attento.

Al 33° primo giallo della gara, lo becca Hernani per un fallo su Falco.

Al 36° Falco fa viaggiare Donati che crossa in area, Petriccione conclude ma trova Darmian che devia in angolo.

Al 39° Donati serve Babacar in area che liscia la sfera, la prende Mancosu che però conclude male.

Al 40° brividi per il Lecce ma Gagliolo è in fuorigioco.

Termina 0-0.

SECONDO TEMPO – Le squadre rientrano con gli stessi effettivi della prima frazione.

Al 52° ripartenza del Parma, Kulusevski si incunea in area, Gabriel esce, palla a Kucka che prova il tiro ma il portiere del Lecce riesce a deviare in angolo.

Botta e risposta: al 53° Falco per Mancosu che calcia ma trova Sepe pronto a mandare in corner.

Al 54° Kucka in fuorigioco serve Inglese, brivido per il Lecce ma la bandierina è all’insù.

Al 57° Kulusevski col fisico e con un fallo ruba palla a Dell’Orco la mette in mezzo e Rossettini devia in angolo.

Sugli sviluppi del corner battuto da Hernani arriva Iacoponi che ruba il tempo a tutti e batte Gabriel.

Al 59° Petriccione lancia Deiola in area che la lascia a Mancosu ma la sua conclusione è imprecisa.

Il Lecce risponde rabbiosamente e si riversa in avanti.

Saltano gli schemi e il Parma cerca il colpo del K.O.

Al 63° primo cambio della gara: fuori Mancosu dentro Lapadula.

Al 65° buona giocata di Falco che conclude dal limite dell’area, Sepe para in due tempi.

Al 69° riceve Falco prende palla prova la conclusione si salva in angolo la difesa del Parma.

Al 69° cambio nel Parma, dentro Cornelius fuori Inglese.

Al 72° arriva il raddoppio del Parma: Kucka di testa colpisce la traversa e riprende Cornelius che scaglia una sassata e gonfia la rete.

I giallorossi però continuano a giocare e al 74° potrebbero ridurre le distanze: Petriccione lancia in area, controllo acrobatico di Lapadula che poi calcia ma la palla scheggia la traversa e termina fuori.

Secondo cambio per il Parma al 76°: fuori Grassi, dentro Scozzarella.

Al 78° secondo cambio per il Lecce: fuori Babacar, dentro Vera.

Al minuto 80 Bruno Alves ferma Falco, giallo per lui e punizione ai 30 metri per il Lecce. Batte Vera palla fuori.

Al minuto 83 ultimo cambio nel Parma: esce Hernani entra Gervinho.

All’85° Lapadula ci prova ancora ma il suo tiro termina fuori.

All’87° ultimo cambio per il Lecce: fuori Deiola, dentro Rispoli.

La lavagnetta segnala 3 minuti di recupero e nel primo Gervinho ara tutto il campo ma Gabriel mura la porta.

Termina così per 2 a 0 per il Parma.

TABELLINO

PARMA – LECCE 2-0

PARMA (4-3-3): Sepe; Darmian, Iacoponi, Bruno Alves, Gagliolo; Grassi (76° Scozzarella), Hernani (83° Gervinho), Kucka; Kulusevski, Inglese (69° Cornelius), Kurtic. A disposizione: Colombi, Alastra, Dermaku, Brugman, Laurini, Siligardi, Sprocati, Pezzella. Allenatore: D’Aversa.

LECCE (4-3-1-2): Gabriel; Donati, Lucioni, Rossettini, Dell’Orco; Petriccione, Tachtsidis, Deiola (87° Rispoli); Mancosu (63° Lapadula); Falco, Babacar (78° Vera). A disposizione: A disposizione: Vigorito, Chironi, Riccardi, Meccariello, Dubickas, Gallo, Maselli, Laraspata. Allenatore: Liverani.

ARBITRO: sig. Michael Fabbri di Ravenna

ASSISTENTI: sig. Dario Cecconi di Empoli e sig. Valerio Colarossi di Roma 2; IV Uomo il sig. Simone Sozza di Seregno. In sala video i signori Davide Massa di Imperia (V.A.R) e Maurizio Liberti di Genova (A.V.A.R).

MARCATORI: 57° Iacoponi (P), 72° Cornelius (P)

AMMONITI: 33° Hernani (P), 41° Petriccione (L), Liverani allenatore del Lecce al 57°, 63° Inglese (P), 80° Bruno Alves (P), 82° Darmian (P)

M.C.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*