Tabanelli: “A Brescia con le nostre certezze, per giocare il nostro calcio”

Andrea Tabanelli, centrocampista del Lecce

LECCE (di M.C) – Ironico, solare, intelligente, simpatico e nello stesso tempo caparbio, deciso, forte e decisivo in campo per il Lecce di Liverani.

Andrea Tabanelli è entrato in gara in corso, nel secondo tempo della gara con il Genoa, con il Lecce in svantaggio e ha siglato il gol del pareggio, il suo primo gol in serie A.

Ne ha parlato a Piazza Giallorossa, ospite della puntata 1500, su TeleRama.

E quando quel pallone di è infilato alle spalle del portiere  Radu, l’emozione è stata forte:

Emozione bella, forte, in quel momento si è presi dalla partita ed importante ritornare veloci a riprendere il gioco perché eravamo in rimonta ed erano rimasti dieci minuti, un quarto d’ora, per provare a vincerla, poi mi sono goduta l’emozione, la sera, con la mia famiglia”.

Nel primo tempo il Lecce si è fatto travolgere dai liguri che hanno chiuso in doppio vantaggio, nella seconda frazione poi gli ingressi di Farias, Falco e dello stesso Tabanelli hanno cambiato le sorti della gara incamerando un punto tutto d’oro.

Tabanelli la analizza così:

Abbiamo iniziato male, non ce lo possiamo permettere, era già successo a Firenze. Per uno spezzone di gara, all’inizio, siamo stati in difficoltà a gestire certi palloni e non riuscivamo mai a rifiatare e perdevamo subito la palla e loro con una manovra avvolgente ci mettevano in difficoltà. Facevamo fatica ad uscire e c’è stato qualche errore di troppo, poi proprio sul finale abbiamo subito il 2 a 0 che è stata una mazzata. Nel secondo tempo però ci sono tutti i nostri meriti, per la nostra reazione, per aver ripreso una partita già compromessa”.

Andrea Tabanelli, centrocampista del Lecce (foto P. Pinto)

I giallorossi sono scesi immediatamente in campo per preparare la prossima gara, a Brescia, contro una squadra che si è ritrovata intorno al suo allenatore, ritornato in sella, dopo l’esonero, e dopo l’esonero di Grosso:

Siamo rientrati subito a lavorare perché sabato c’è l’altra partita importante, altro scontro diretto col Brescia, sfida che l’anno scorso, in casa, ci ha regalato una bellissima gioia, speriamo di ripeterci. Loro hanno ritrovato anche entusiasmo con la vittoria nello scontro diretto con la Spal, hanno fatto 3 punti che han dato morale, ha segnato anche Balotelli, loro giocatore di punta, dopo un periodo non proprio fortunato che stava passando, e quindi si alza ancora di più il coefficiente di difficoltà. Dobbiamo andare a Brescia con le nostre certezze, per giocare il nostro calcio come abbiamo fatto in tutti gli altri campi”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*