#unamanoxilsalento richiama Boccia. Il Ministro: “Il territorio merita una procedura d’urgenza”

LECCE- L’istanza di sostegno e soccorso che si è levata dal Salento grazie all’appello lanciato dall’Editore di TeleRama, Paolo Pagliaro, con la raccolta fondi #unamanoxilsalento ed accolta, anzi, sostenuta con forza e rilanciata a gran voce dai Sindaci di Gallipoli, Porto Cesareo, Nardò, Ugento, Castrignano del Capo e Salve (i centri più colpiti) alla quale si sono aggiunti i primi cittadini di altri comuni (tra cui Leuca, Calimera, Spongano, Alliste, Caprarica, San Donato, Stanta Cesarea, Cursi, Diso, Morciano, Ortelle, Salice, Surano, Taviano, Sanarica, Giuggianello, Andrano, Montesano Salentino, Nociglia, Melissano) messi in ginocchio dal maltempo, per aiutare il territorio a rialzarsi fa muovere le istituzioni. Il ministro Agli affari Regionali e alle Autonomie, Francesco Boccia, incontra gli autori delle sollecitazioni al partecipato tavolo con il Presidente della Provincia Stefano Minerva.

Nessun Comune può, con risorse proprie ripristinare lo stato dei luoghi. “Lo Stato c’è e ci sarà – ha detto Boccia – nei prossimi giorni tireremo le somme, i problemi del Salento meritano una procedura d’urgenza”. Se la burrasca e la mareggiata del 12 e 13 novembre scorso ha letteralmente spazzato via opere pubbliche e private ed una fetta importante di economia, dopo la conta dei danni il Salento chiede attenzione e dignità anche con delle misure ad hoc. Le cifre del disastro sono pesanti. Sono stati oltre 26 comuni ad aver già inviato relazioni complete con stime ufficiali dei danni. “A loro il Paese deve risposte certe -ha detto Minerva- Stime che tengono conto solo della parte pubblica: cittadini, imprenditori, aziende stanno già ultimando le altre”

“Alla già drammatica situazione strutturale delle imprese salentine, si aggiunge quella determinata da questa terribile congiuntura”,  ha sottolineato il presidente di Confindustria Giancarlo Negro.

 Il Salento già risponde alla campagna, lanciata anche con uno spot su TeleRama che chiama a raccolta i salentini per i salentini, continuano , infatti, a registrarsi donazioni speciali.

Ognuno potrà versare il proprio contributo sul conto corrente della Banca di Credito Cooperativo di Leverano, filiale di Lecce, con il seguente IBAN: IT 57J086 0316 0000 0000 0314361, causale: Una mano per il Salento. Un gesto necessario per rialzarsi insieme. Ancora una volta la forza della comunicazione al servizio della gente. Informazione locale che assicura da anni pluralismo nei territori e crescita economica. Da Lecce, il Ministro Boccia rilancia la sua proposta di ripensare il canone Rai nell’era digitale. “non solo un problema di prodotto ma di prospettive culturali, sociali ed economiche”

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*