Strappo M5s, Di Maio contro i pugliesi: “Ora basta o vi porto al voto”

ROMA – «Ora basta: se il gruppo si spacca sull’Ilva, ne prendo atto politicamente e si ritorna al voto. Io non vado avanti così. E non mi faccio mancare di rispetto in questo modo». Il leader del M5S, Luigi Di Maio, si è espresso così nel bel mezzo della riunione al Mise sul futuro dell’acciaieria di Taranto. Di Maio si è scagliato contro il deputato tarantino Gianpaolo Cassese, dopo che quest’ultimo gli ha fatto presente che non avrebbe votato un decreto con dentro lo scudo penale e che il Movimento non ha avuto una linea coerente.

«E poi, tu, ma come ti permetti – ha continuano il leader, rivolgendosi al parlamentare – su questo dossier, quando ero ministro dello Sviluppo economico, ho dato il massimo».

Sull’Ilva il Movimento, dunque, si spacca. Tanto che il suo stesso leader minaccia il ritorno alle urne.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*