Palloncini, dediche e un lungo applauso: chiesa gremita per l’ultimo saluto a Marco

ARNESANO – Palloncini, dediche sull’altare e un lungo applauso. Così gli amici, i familiari, i suoi concittadini e non solo, hanno scelto di dare l’ultimo saluto a Marco Arnesano. A 24 anni, dopo aver lottato prima contro la leucemia e poi contro un tumore, il giovane guerriero di Arnesano si è spento ieri pomeriggio. I funerali sono stati celebrati oggi nella chiesa SS. Maria Assunta del suo paese, così come lui stesso ha indicato prima di volare via.

Marco, condividendo passo dopo passo la sua lunga malattia sui social, ha guadagnato ben presto il sostegno, l’affetto e la vicinanza di tantissime persone. Pur nella sofferenza, ha dato loro coraggio e lanciato continuamente messaggi di speranza. Se n’è andato, infine, con il sorriso. Alla sua famiglia ha inviato un messaggio di vicinanza anche l’Arcivescovo Mons. Michele Seccia, in questi giorni impegnato a Roma.

In una chiesa gremita, la comunità si è stretta intorno alla famiglia. Di lui è stato ricordato, a più voci, il grande cuore, l’instancabile e contagiosa voglia di vivere nonostante tutto, la capacità di insegnare a tutti come vivere, ma anche come morire. Con una semplicità disarmante…

Intanto sul web è stata avviata una petizione, da presentare poi al presidente della Regione, Michele Emilano, per intitolare a Marco un reparto dell’ospedale Vito Fazzi di Lecce.

E.Fio

 

 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*