La protesta s’infuoca: “Chiudete la fabbrica”

TARANTO- Da un lato uno sciopero con una adesione meno massiccia del previsto, dall’altro una richiesta che si fa sempre più pressante:chiudere l’ex Ilva e reimpiegare i lavoratori nelle bonifiche. Le associazioni che ci credono sanno che è questo il momento di alzare la posta e parlare con parole inequivocabili. In mattinata c’erano anche loro davanti ai cancelli della fabbrica. Le associazioni hanno già presentato l’alternativa depositandola a Roma.

Si registra inoltre. un disallineamento anche  tra i vertici nazionali dei sindacati che parlano di continuità produttiva e quelli locali che parlano di riconversione. Quello stabilimento sembra essere un mondo al crepuscolo anche per chi ci sta dentro.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*