Boxe, il campione italiano ugentino punta al titolo internazionale

UGENTO – È figlio d’arte ma, per ammissione del suo stesso papà, è il classico esempio di allievo che supera il maestro. Giuseppe Carafa, ugentino di 25 anni, dopo essere stato incoronato campione d’Italia, adesso punta ad un titolo internazionale.

Quando tutti indossavano il pannolino, lui indossava i guantoni“, ironizza il padre, Salvatore Carafa, anche lui storico pugile salentino a cui Giuseppe, sin da piccolo, si è ispirato.

Giuseppe sale sul ring per la prima volta a 13 anni: era il maggio del 2008 quando a Taranto la sua prima gara si trasforma nel suo primo successo.

Da quel giorno porta a casa una serie di vittorie dal respiro nazionale nella categoria “dilettanti”, collezionando presenze anche all’Estero (in Francia e in Svizzera).

Lo scorso aprile, tra un gancio e un montante, a Pollonica vince il titolo di “Campione d’Italia” dei pesi superpiuma. Titolo che il Salento non vantava dal lontano 1976 e che Giuseppe difende a Pisa, incassando la vittoria definitiva.

Esattamente tra una settimana, il prossimo 15 novembre, il fuoriclasse ugentino tornerà sul ring: lo farà proprio a Ugento, come ha fortemente voluto. Questa volta c’è in ballo il titolo internazionale del Mediterraneo nei peso leggeri. A sfidarlo sarà il napoletano Nicola Cipolletta, anche lui campione.

La passione – racconta Giuseppe, emozionato in vista del grande giorno – mi è stata trasmessa da mio padre, l’amore per lo sport mi ha sempre accompagnato nel corso della mia vita. Io sono molto legato al Salento, in vista di sfide importanti scelgo sempre di perfezionare la mia preparazione tornando nella mia terra. Il mare, la famiglia, gli amici, il calore dei miei concittadini: è tutto questo a darmi forza. Comunque vada -dice- sono felice di aver portato a Ugento un evento di questa levatura che non si è mai disputato qui“.

La sua città e il Salento tutto fanno il tifo per lui.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*