A Lecce il forum internazionale su politiche di accoglienza per il diritto allo studio universitario

LECCE – Basta fuga di cervelli, oggi le Università pugliesi sono competitive ed attrattive, al punto da tale da essere scelte, sempre più, da studenti stranieri. Si parte da qui per ragionare su cosa potenziare, cosa migliorare e dove andare in futuro. Lo si è fatto nel Forum Internazionale sulle politiche di accoglienza per il diritto allo studio universitario che ieri ed oggi ha ospitato a Lecce 11 ambasciate di Paesi ospiti per un vero e proprio summit formativo.

Un vertice internazionale promosso per la prima volta in Italia dalla Regione Puglia per strutturare progetti di accoglienza degli studenti stranieri che intendono studiare negli atenei pugliesi. Ad organizzarlo è stato l’assessorato al Diritto allo studio, Scuola, Università, Formazione Professionale e Adisu Puglia, in collaborazione con il Festival Giornalisti del Mediterraneo.

Grazie alle intese, gli atenei pugliesi potranno far valere la qualità della loro offerta didattica e dei servizi allo scopo di essere attrattivi e competere all’interno del sistema universitario internazionale.

Il capoluogo salentino ha ospitato, dunque, gli ambasciatori dei Paesi dei Balcani, del Maghreb e del Mediterraneo, con l’obiettivo di avviare un dialogo e, successivamente, sottoscrivere un protocollo d’intesa per l’avvio di un progetto pilota per l’accoglienza e l’assistenza degli studenti in Puglia. Un accordo di partenariato mirato a favorire l’arrivo degli studenti da Paesi terzi, che consentirà di centrare, attraverso il Forum, il doppio obiettivo di stabilire relazioni diplomatiche proficue tra gli Atenei pugliesi e i Paesi ospiti e di valorizzare il ruolo delle istituzioni universitarie territoriali nel panorama accademico internazionale.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*