Al Perrino Pet guasta da ottobre, è polemica: “Inefficienza made in Puglia”

BRINDISI – Nell’ospedale Perrino di Brindisi da ottobre la PET è rotta, impossibile dunque sottoporsi ad esami diagnostici nel nosocomio, a prescindere dall’urgenza.

L’unità operativa di Medicina Nucleare ha fatto sapere che “si cercherà di provvedere appena possibile” alla riparazione dell’apparecchiatura che permette di rilevare in modo non invasivo anche la presenza di tumori.
Monta la polemica. A sollevarla è il coordinamento cittadino di Forza Italia Brindisi che parla di “disservizio made in Puglia”.
L’ospedale di Brindisi ha nel frattempo rilasciato ai pazienti una serie di numeri telefonici di strutture sanitarie convenzionate e non, dove poter eseguire l’esame.

“Nella migliore delle ipotesi – commentano i forzisti – con un’attesa di almeno un mese, un paziente deve avere la possibilità di fare centinaia di chilometri per raggiungere la struttura, anche perché dal vicino “Vito Fazzi” fanno sapere che anche lì l’apparecchiatura ha subito un guasto”. Per il disservizio il dito è puntato contro il Governatore di Puglia, Michele Emiliano.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*