Concorso infermieri, precari in sit-in: “Vogliamo essere stabilizzati. Pronti a impugnare bando”

LECCE- Dopo il via ai bandi di concorso e mobilità per assumere nel Servizio sanitario regionale 1.132 collaboratori sanitari professionali infermieri, monta la protesta da parte del personale precario che ad oggi conta 1500 unità, di cui solo nel leccese 500, ripartiti tra 180 infermieri, 50 autisti e diversi dietisti, tecnici di laboratorio e radiologia. Per i precari il bando, che è stato pubblicato in queste ore, “penalizza fortemente chi in questi anni ha dovuto sopportare la condizione di precarietà nella speranza che un giorno ne venisse riconosciuto il merito”. E ora, malgrado il direttore generale Rodolfo Rollo abbia promesso di portare questa situazione sul tavolo di tutti i direttori generali e quindi insieme trovare una soluzione, i precari continueranno a combattere per i loro diritti, sia a livello Nazionale che a livello regionale. In particolare chiederanno a Roma di essere stabilizzati, mentre in Regione di rivedere il bando e in caso contrario saranno pronti a impugnarlo legalmente.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*