Tentata truffa, 3 anni e 1 mese per Francesco D’Agata. Assolto il collaboratore

LECCE- Una condanna a 3 anni e 1 mese per Francesco D’Agata, l’avvocato leccese referente dello Sportello dei Diritti ed ex coordinatore provinciale de L’ Italia dei Valori finito sotto processo dopo l’arresto avvenuto nel 2016. Assoluzione per il presunto complice e collaboratore Graziano Garrisi.

E’ la sentenza, arrivata in serata, dal giudice monocratico, dottoressa Torelli. D’agata, difeso dall’avvocato Luigi Rella, è stato condannato per i reati di tentata truffa ed infedele patrocinio ai danni di una signora senegalese e falso in atto pubblico, assolto dal reato di autoriciclaggio ed infedele patrocinio ai danni di una donna originaria di Torino. E’stato dichiarato prescritto il reato di truffa ai danni di quest’ultima. Il pm Massimiliano Carducci aveva chiesto una condanna a 6 anni. Garrisi, assistito dagli avvocati Giancarlo Dei Lazzeretti e Carlo Russi, è stato assolto “perché il fatto non costituisce reato” dall’ indebito utilizzo di carta prepagata e ricettazione. Il pm aveva chiesto 2 anni e 6 mesi.

Le indagini erano state condotte dalla sezione di Polizia Giudiziaria della guardia di finanza coordinata dal colonnello Francesco Mazzotta. Secondo l’accusa D’Agata avrebbe intascato parte del denaro ottenuto da una donna senegalese dall’assicurazione dopo un gravissimo incidente stradale. La signora si è costituita parte civile con il legale Francesco De Iaco ottenendo dal Tribunale un risarcimento di 10 mila euro.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*