Lecce: tutti disponibili tranne i nazionali e Tabanelli. Milan: è iniziata l’era Pioli

Andrea Tabanelli, centrocampista US Lecce (foto P. Pinto)

LECCE (di M.C.) – Dopo i due giorni di riposo concessi da Fabio Liverani al termine della gara persa a Bergamo con l’Atalanta, il Lecce è tornato in campo all’Acaya nell’unico allenamento a porte aperte, perché poi il mister romano ha deciso di blindare tutto e proseguire lontano da occhi indiscreti.

Lo staff medico deve valutare bene le condizioni di Andrea Tabanelli, fermo la scorsa settimana per una elongazione muscolare, che ha continuato ad allenarsi in differenziato.

Il centrocampista di Ravenna è un elemento che si è dimostrato importantissimo nel centrocampo giallorosso specialmente in questo periodo in cui la forma fisica dei compagni di reparto non è delle migliori.

Assenti i nazionali Benzar, Imbula, Shakhov, Majer, Dubickas e Vera.

Proprio i primi tre, Benzar, Imbula e Shakhov, stanno faticando a trovare continuità e forma fisica ottimale, l’impegno con le rappresentative nazionali potrebbe essere utile a mettere carburante nelle gambe.

La compagine salentina il 20 ottobre scenderà in campo a Milano contro i rossoneri che si presenteranno con il nuovo allenatore in panchina, Stefano Pioli, che ha preso il posto di Marco Giampaolo esonerato.

Per il neo tecnico milanista, però, non è affatto facile iniziare il nuovo percorso perché non ha a disposizione mezza squadra, dodici gli assenti per i rispettivi impegni con le nazionali di riferimento e sono Donnarumma, Romagnoli, Gabbia, Krunić, Rebić, Calhanoglu, Rodriguez, Kessie, Leao, Piatek, Paquetà, Bennacer. Inoltre non potrà contare su Calabria e Castillejo entrambi fermati dal Giudice Sportivo.

Inizia così il lungo cammino che porterà per la seconda volta i giallorossi alla “Scala” del calcio italiano, dopo l’esordio con l’Inter, ad affrontare il nuovo Milan di Pioli che in conferenza stampa, durante la presentazione, ha spiegato che ama giocare un calcio propositivo indipendentemente dai numeri e dai moduli e con Liverani sfonda una porta aperta… tutti all’attacco quindi verso quella che sicuramente non sarà una partita banale.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*