Assalto a un taxi di romanisti, fermato giovane tifoso del Lecce

LECCE – Secondo la ricostruzione della Digos, verso le ore 14.15 di domenica, un gruppo formato da un centinaio di ultrà del Lecce, la maggior parte con i volti coperti, si è radunato nei pressi della rotatoria posta sulla strada Lecce-San Cataldo, all’incrocio con via Carlo Leo, in quel momento gremita di spettatori che affluivano verso lo stadio Via del Mare, dove di lì a poco si sarebbe disputata la partita Lecce-Roma. Qui, tra la gente che procedeva verso lo stadio, tra cui anche famiglie con bambini, i tifosi di casa avrebbero assaltato, danneggiandolo, un taxi sul quale viaggiavano sei tifosi romanisti. L’aggressione, che non ha fatto registrare feriti, è avvenuta con il lancio di bottiglie di vetro e pietre scagliate contro il veicolo, nonché con bastoni con cui è stata colpita la carrozzeria.

Uno dei giovani coinvolti sarebbe stato visto direttamente dal personale DIGOS della Questura di Lecce, mentre era intento a partecipare all’azione e, successivamente, mentre raccoglieva da terra una bottiglia di vetro per scagliarla contro gli agenti intervenuti. Per questo è stato arrestato per lancio di materiale pericoloso, danneggiamento e resistenza a pubblico ufficiale aggravata. Si tratta di E.L., un ragazzo di 22 anni della provincia di Brindisi. Per lui è stata anche avviata la procedura per l’irrogazione del provvedimento DASPO. Sono in corso ulteriori indagini, con il vaglio anche di numerosi filmati acquisiti, per identificare gli altri assalitori.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*