Un nascondiglio della marijuana in pieno centro, maxi sequestro

BRINDISI- Il viavai di auto e persone da quell’immobile disabitato in zona Cappuccini hanno insospettito i residenti, che hanno allertato i carabinieri. E a ragione: un ingente quantitativo di droga era stato nascosto lì. I militari della compagnia di Brindisi hanno infatti rinvenuto 217 kg di marijuana suddivisa in 40 colli. L’operazione è stata portata a segno sabato sera.

Già nel primo pomeriggio erano giunte diverse chiamate ai carabinieri, che hanno deciso di effettuare alcuni controlli in quella zona e, da subito, hanno percepito un forte odore tipico della marijuana. Il controllo nell’immobile abbandonato ha svelato l’arcano. Un nascondiglio scelto bene: difficile e pericolosa, infatti, è stata la perquisizione, proprio per le condizioni fatiscenti in cui versa lo stabile. La droga era ben nascosta tra le mura e le pietre cadenti del fabbricato.

I carabinieri effettueranno, già dai prossimi giorni, approfondimenti investigativi per stabilire la provenienza dello stupefacente. È molto probabile che la marijuana sia giunta dall’Albania su gommone e che sia stato usato quell’immobile come “gubbia”, cioè come deposito, prima dello smistamento sul territorio o in altre parti d’Italia. La stranezza, però, è nel fatto che solitamente vengono scelti immobili più prossimi ai punti di sbarco, anche se in passato ne sono stati sequestrati anche poco fuori Lecce città.

Questo sequestro di 217 chili, comunque, si aggiunge ai 667,305 chili di marijuana sequestrati nei primi otto mesi dell’anno, quattro volte i quantitativi finiti sotto chiave in tutto il 2018 (223 chili). Nei primi otto mesi sequestrati anche 6,515 Kg di hashish, 741 grammi di cocaina e 120 grammi di eroina e vari flaconi di metadone. Nel corso delle varie attività antidroga è stata sequestrata complessivamente la somma di 127.900€ provento dell’illecita attività.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*