Squinzano, premio “Città della musica”: buona la prima. Oggi De Piscopo

SQUINZANO – Squinzano, Premio Città della Musica: buona la prima. Sabato sera dedicato alle eccellenze del territorio. Ospite d’onore il giornalista Rai, Francesco Giorgino: da lui una lezione di stile e umiltà.

Il suono illuminato riempie Piazza Plebiscito, allo scoccare delle 21 il suono delle campane dà inizio allo spettacolo: a Squinzano va in scena il Premio Città della Musica. Due giorni dedicati alle eccellenze del territorio. Si parte da molto lontano, dalla tradizione bandistica del paese che ha attraversato tutto il mondo, fino ad arrivare ai giorni nostri.

Sul palco, in apertura, a fare gli onori di casa il sindaco Gianni Marra, gli assessori Eleanna Bello e Claudio Taurino e il direttore artistico Gioacchino Palma. Il premio scelto, una cassa armonica in argento, evoca il piacere della condivisione, dell’incontro, il significato profondo di un rituale semplice come il ritrovarsi in piazza per ascoltare la banda che suona, che scaccia i pensieri e lo fa grazie alla magia della musica. Il suono che illumina e unisce, così come sta accadendo nel Nord Salento tutto.

Ieri sera sul palco ospite d’onore il giornalista Rai, Francesco Giorgino. Pugliese, originario di Andria, ha ammaliato il pubblico con gli aneddoti che hanno caratterizzato la sua gloriosa carriera. Un percorso fatto di sacrifici e che lo ha portato molto lontano, grazie anche ai valori e agli insegnamenti che la sua terra gli ha trasmesso.

Tantissime le personalità di spicco del territorio insignite del premio: da Mauro Giliberti, inviato di “Porta a Porta”, all’arcivescovo di Lecce Mons. Michele Seccia. Da Tommy Miglietta, giovanissimo musicista e percussionista di fama internazionale, a Giuseppe Palaia, medico sportivo con un primato di longevità al fianco del Lecce. E poi tantissime eccellenze che da Squinzano si sono affermate in tutto il mondo e che qui rappresentano un punto di riferimento storico per la comunità tutta.

Ad allietare la serata le esibizioni live dei tenori Gianpiero Ruffino e Raffaele Pastore, con l’accompagnamento al piano del musicista Tony Tarantino.

Questa sera la chiusura della due giorni è affidata a Tullio De Piscopo: un concerto che ha in serbo una grande sorpresa…

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*