Coppa Italia, Lecce-Salernitana 4-0: giallorossi stratosferici

Esultanza Lecce (Foto Pinto)

LECCE (di M.C.) -Quasi 16mila spettatori per il primo Lecce della stagione nel rinnovato stadio Via del Mare che apre le porte al futuro giallorosso e ospita la Salernitana di Ventura, il tecnico della doppia promozione dalla C alla A, proprio come Liverani attuale condottiero. Si gioca il Terzo Turno della Coppa Italia, gara secca, tutto in una notte.

Una gara che il Lecce domina e fa sua passando il turno grazie ai gol di Lapadula,  che grazie ad una gara perfetta mette a segno una doppietta, e poi di Falco e di Majer.

La squadra di Liverani ricomincia da dove aveva lasciato: idea di gioco chiara e identità ben precisa, ottimo fraseggio e con un Falco così poi è facile danzare sulle punte; è solo calcio d’agosto, è solo Coppa Italia, il risultato è del tutto indicativo ma il Lecce c’è e può solo migliorare e ad una settimana dall’esordio a San Siro contro l’Inter di Conte una prestazione così netta e un gioco così fluido, nonostante i carichi di lavoro, lasciano ben sperare.

Complimenti a Liverani perché nonostante le difficoltà e le numerose assenze ha giocato sempre per offendere e mai per difendere e il risultato non è casuale ma ampiamente meritato.

PRIMO TEMPO – Liverani arriva con la squadra incerottata da infortuni e ritardo di condizione e non può contare su Benzar, Shakhov, Lo Faso, Mancosu, Meccariello e Fiamozzi, schiera Gabriel; Rispoli, Lucioni, Riccardi, Calderoni; Petriccione, Tachtsidis, Majer; Falco; Lapadula, La Mantia.

Ventura senza Cerci risponde col suo 3-5-2 mandando in campo Micai; Jaroszinski, Billong, Karo; Lombardi, Di Tacchio, Akpa Akpro, Firenze, Kiyine; Giannetti, Jallow.

Arbitra il sig. Abbattista di Molfetta, fischio d’inizio alla 20:53 con qualche minuto di ritardo.

La gara è vibrante già dalle prime battute, il pubblico spinge, gli ospiti sono guardinghi e agiscono con veloci ripartenze ma dopo 4 minuti Lapadula, lanciato da Lucioni, sfrutta un errore di Billong, e la stappa con un tocco morbido battendo Micai in uscita.

Passano appena 4 minuti e all’8° il Lecce potrebbe raddoppiare: Falco la mette in area, svetta Lapadula colpisce di testa ma Micai si salva sulla linea.

Al 12° gol annullato al Lecce: a metterla dentro in dubbia posizione è La Mantia servito da Petriccione.

Al 25° ci prova Giannetti e al 26° Kiyine con una sterile conclusione a giro ma la Salernitana continua a soffrire la veemenza del Lecce.

Al 33° Majer si fa soffiare la palla da Akpa Akpro e poi lo atterra, giallo per lui.

Al 45° brutto fallo di Kiyine su Falco e cartellino giallo per lui.

Falco (foto P.Pinto)

SECONDO TEMPO – Si torna in campo con gli stessi 22 del primo tempo.

Dopo appena 4 minuti sgroppata di Falco e cross per La Mantia ma la difesa si salva in angolo.

Al 55° Salernitana vicina al pareggio: bomba da fuori area di Di Tacchio ma Gabriel vola e si salva.

Al 56° Ventura effettua il primo cambio: dentro Maistro fuori Firenze.

Al 61° calcio spettacolo al Via del Mare: Falco scambia con Tachitsidis, ricama, salta gli avversari come birilli, accarezza la sfera e mette in ginocchio la Salernitana.

Subito dopo, al 64° esce Tachtisidis entra Tabanelli. Gli ospiti rispondono con Calaiò al posto di Giannetti al 65°.

Al 69° esordio di Farias che entra al posto di La Mantia. Al 74° Ventura manda in campo Migliorini al posto di Karo.

E poi la ciliegina sulla torta la mette ancora Lapadula che firma la sua doppietta personale al minuto 76 ed è 3-0 per il Lecce.

Standing ovatio per Falco, tutto lo stadio è in piedi per il Messi del Salento al minuto 78 al suo posto Dell’Orco.

Ma ancora la gara non è finita e a firmare il poker è Majer, su un cross di Dell’Orco, con un missile dal centro dell’area all’82°.

Termina così con la qualificazione del Lecce che nel prossimo turno incontrerà la Spal, la vincente affronterà a Milano il Milan.

TABELLINO

LECCE – SALERNITANA 4-0

LECCE (4-3-1-2): Gabriel; Rispoli, Lucioni, Riccardi, Calderoni; Petriccione, Tachtsidis (64° Tabanelli), Majer; Falco (78°; Lapadula, La Mantia (69° Farias). A disposizione: Vigorito, Vera, Haye, Rossettini, Dumancic, Pierno, Dubickas, Gallo, Dell’Orco, Felici. Allenatore: Liverani

SALERNITANA (3-5-2): Micai; Jaroszinski, Billong, Karo (74° Migliorini); Lombardi, Di Tacchio, Akpa Akpro, Firenze (56° Maistro), Kiyine; Giannetti (65° Calaiò), Jallow. A disposizione:Vannucchi, Russo, Lopez, Odjer, Djuric, Cicerelli, Kalombo, Morrone, Carillo. Allenatore: Ventura

ARBITRO: sig. Eugenio Abbattista di Molfetta

ASSISTENTI: sig. Domenico Rocca di Catanzaro e sig. Valerio Vecchi di Lamezia Terme. IV Uomo: sig. Giovanni Ayroldi di Molfetta.

MARCATORI: 4° Lapadula – 76° (L), 61° Falco (L), 82° Majer (L)

AMMONITI: 33° Majer (L), 45° Kiyine (S), 54° La Mantia (L)

NOTE: spettatori 15956 per un incasso di 170.230,00 euro.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*