A Trepuzzi la strada si fa musica: la banda come “paesaggio sonoro”

TREPUZZI- Quando la musica non è soltanto musica, allora è Bande a Sud. Gli ottoni, le percussioni, le luminarie hanno allagato le strade di Trepuzzi, confermando il suo ruolo di catalizzatore culturale del nord Salento. Lunedì sera, nel centro storico e in largo Margherita, la Festa delle bande di Strada è stata ancora una volta la carovana di suoni e di allegria punta di diamante di questa rassegna che, partendo dalla tradizione, riesce a uscire dal folklore, innovare, rilanciare stili e linguaggi.

All’indomani del grande concerto dei Boomdabash, dieci bande provenienti da tutta Italia hanno popolato Corso Umberto I e la piazza, con la regina delle feste, la cassarmonica, e tantissimi appassionati a parteicpare alla parata e ai concerti. Così la banda diventa “paesaggio sonoro di strada”, come l’ha definita il direttore artistico Gioacchino Palma. Ed è proprio la strada il tema di questa edizione, declinato lungo diverse sperimentazioni, come quella legata al cibo.

In attesa della festa patronale della Madonna Assunta, il 14 e il 15 agosto, e del concerto degli Avion Travel di venerdì, stasera sarà la volta dello Street Soundscape con otto postazioni sparse nel centro storico. Così il festival continua ad essere musica, poesia, divertimento ma anche esperimento comunitario. Ecco perché una sezione dedicata ai più piccoli con il progetto Bande a Sud Kids, per non disperdere entusiasmi e saperi.

Ancora una volta, insomma, “suoni tra i due mari”, per coltivare speranza contro la cultura dell’odio attraverso uno degli eventi più qualificanti del Salento.

 

Foto dal diario Fb Bande a Sud

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*