Il Tar salva “Edilcoop Salentina”

SALENTO – Il Tar “salva” la “Edilcoop Salentina”, una delle più antiche Cooperative Edilizie della Provincia di Lecce.  “Nei confronti della Cooperativa -spiega l’avvocato Pietro Quinto, che la rappresenta- era stato disposto uno scioglimento d’autorità per ordine del Ministero dello Sviluppo Economico che aveva ritenuto essere venuto meno il requisito della mutualità prevalente per due annualità consecutive in ragione dei ricavi provenienti dalla gestione di impianti fotovoltaici”. Il decreto è stato poi impugnato documentando come nel corso degli anni avesse sempre mantenuto il requisito della mutualità prevalente, posto che anche i ricavi provenienti dalla gestione del fotovoltaico erano stati destinati ad attività mutualistica attraverso una riduzione delle quote di spese di gestione a carico dei soci, L’Avv. Quinto ha contestato la insussistenza delle condizioni che secondo la legge legittimano lo scioglimento d’autorità della Cooperativa, stigmatizzando al contempo il comportamento del Ministero che, in violazione del principio di leale collaborazione, non aveva assegnato alla Cooperativa un termine per sanare le presunte irregolarità, così come prevede la legge, ma aveva direttamente proceduto all’applicazione della sanzione massima dello scioglimento in assenza, rileva il TAR aderendo alla prospettazione del difensore, “di alcuna valutazione circa la proporzionalità e adeguatezza delle misura”. Il Ministero ed i soci oppositori della cooperativa sono stati condannati in solido a pagare le spese del giudizio in favore della Edilcoop e le spese di CTU, la consulenza tecnica di ufficio.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*