In ritiro primi passi del Lecce; Meluso prova a riprendere Venuti

Lorenzo Venuti (foto P.Pinto)

LECCE (di M.C.) – Mister Fabio Liverani, a Santa Cristina, a suon di doppie sedute di allenamento carica i giallorossi in vista della nuova stagione; alle 9:00 calciatori già in campo, alle 13:15 si pranza e poi si riposa fino alle 17.00, alle 17:30 si ritorna a studiare: nuove mosse, movimenti e tattiche. Alle 20:00 si cena e alle 22:30 tutti in camera.
Orari rigidi e programmi ben precisi, serietà e idee chiare per muovere i primi passi e creare l’alchimia giusta, proprio come dichiarò il mister romano qualche ora prima della partenza per la Val Gardena: “Il ritiro per una squadra è come quando nasce un neonato; dobbiamo essere bravi a fare i passi giusti a non cadere. Va creata l’alchimia giusta, oltre al lato tecnico quello che è stato fondamentale in questi anni è stato il gruppo, e lo dovrà essere anche in A per colmare il gap con tante squadre; il gruppo sarà importantissimo per arrivare alla salvezza”.

Immagine video Instagram

E fuori dal campo, intorno al tavolo conviviale, il gruppo si sta divertendo già, si sta cementando, regalandosi un po’ di gioia e originalità ed i mattatori sono due dei nuovi arrivati, il portiere brasiliano Gabriel e il terzino sinistro colombiano Vera che si sono riscoperti simpaticamente cantanti tirando fuori l’entusiasmo classico sudamericano, così come testimonia il breve video postato su Instagram.

In questo nuovo gruppo potrebbe ritornare un calciatore molto amato dai tifosi giallorossi perché è stato tra i protagonisti più importanti della promozione in serie A; parliamo di Lorenzo Venuti che sarebbe felicissimo di vestire ancora la maglia giallorossa con cui è sceso in campo 32 volte la scorsa stagione segnando 3 gol 2 al Via del Mare con Crotone e Carpi e uno fuori casa contro il Cosenza. Il discorso tra Meluso e la Fiorentina è ben avviato, la trattativa potrebbe andare a buon fine, e il terzino 24enne di Montevarchi potrebbe ben presto raggiungere il ritiro giallorosso.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*