Falco: “La serie A per i nostri tifosi è una bella rivincita”

Filippo Falco (foto P.Pinto)

LECCE – trentuno presenze in campionato con 7 gol e 10 assist, è stato l’uomo in più del Lecce che ha raggiunto la serie A, Filippo Falco ha espresso pensieri ed emozioni dal ritiro di Santa Cristina, in Val Gardena e così come è accaduto in altre occasioni l’idea è comune, fare gruppo.

GRUPPO – “In questi primi giorni di ritiro stiamo lavorando bene, con intensità e stiamo cercando di far ambientare i nuovi arrivati”.

LAPADULA – Con il nuovo compagno di reparto Gianluca Lapadula sono bastati pochi giorni per trovare quel feeling che durante la stagione sarà oro colato per la squadra:
“Lapadula? Si vede che ha qualità importanti, è un giocatore forte che ci potrà dare una grandissima mano a raggiungere un obiettivo difficile. Oltre le sue doti calcistiche in questi giorni ho potuto apprezzare il lato umano e Gianluca è un bravissimo ragazzo”.

SERIE A – Falco ha già assaporato il dolce gusto della massima serie, 4 anni fa con il Bologna ma collezionò solo 9 presenze, adesso ci arriva a 27 anni ed ha la maturità giusta per affrontarla in modo diverso:
“Dopo 4 anni dall’esperienza di Bologna ritrovo la Serie A. Sono cresciuto, ho maggiore esperienza, sono più maturo e ho un bagaglio maggiore. Mi voglio godere fino in fondo questa possibilità con la maglia del Lecce, società nella quale sono cresciuto fin da piccolo. Nella serie cadetta lo scorso anno tutti ci hanno riconosciuto un gioco propositivo, bello da vedere. Questo modo di giocare rispecchia quelle che sono le idee di mister Liverani e questa filosofia deve rimanere anche in Serie A. Sicuramente da parte nostra ci vorrà più intensità, qualità e attenzione. Per i nostri tifosi è una bella rivincita quella di essere tornati nella massima serie dopo anni di sofferenze. Noi siamo stati bravi a regalare questo sogno e loro stanno rispondendo alla grande in numero di abbonamenti sottoscritti. Se questi sono i numeri vuol dire che abbiamo fatto qualcosa di importante”.

M.C.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*