Lecce: inizio all’insegna dell’entusiasmo. Volano gli abbonamenti

Lecce – Il giorno della promozione in A, la premiazione

LECCE (di M.C.) – L’undici maggio 2019 sarà ricordato come uno dei giorni più belli per la storia dell’Unione Sportiva Lecce, il ritorno in A, la gioia, le lacrime e la consapevolezza di aver compiuto una bella impresa, da raccontare e da far vedere negli anni; poi un susseguirsi di emozioni, la festa, i riconoscimenti e il lento sfumare nel nuovo inizio in direzione serie A.
Poi un susseguirsi di novità a cavallo del tempo che scorre: le prime indiscrezioni di calciomercato e poi i nuovi calciatori, la questione stadio, la presentazione delle nuove maglie e la vendita degli abbonamenti che registra numeri che vanno oltre ogni rosea aspettativa; e dopo aver sforato quota 10mila (10433 alla chiusura dei botteghini l’11 luglio), si può veramente pensare di battere il record della prima stagione in A e superare anche 14mila tessere.
Nel Salento vince sempre l’entusiasmo ed è tanta la voglia di Lecce e di calcio giocato.
E l’entusiasmo è il sole di questa nuova alba: a due mesi esatti dal quel fatidico giorno, al via le visite mediche ed i primi passi sul rettangolo verde. Inizia così la stagione 2019-20.
Tutti in campo per guardarsi negli occhi, per aiutare i nuovi ad inserirsi e per accarezzare di nuovo il pallone.
Sull’erbetta dell’Acaya Golf Club mister Fabio Liverani ha incominciato il suo lento lavoro, con un collaboratore in più, Cesare Bovo, che non ha fatto nemmeno in tempo a togliere le scarpe chiodate che è già nell’arena come collaboratore del suo ex allenatore.
Sono giorni d’attesa prima della partenza del ritiro e quello che affascina di più è sempre il campo ed anche un singolo allenamento aperto al pubblico diventa festa.
Si prosegue fino a sabato con il completamento delle visite mediche e dei test e con la presentazione alla stampa dei nuovi; domenica poi si partirà per Santa Cristina, in Val Gardena, per il ritiro precampionato che durerà fino al 28 luglio.

Il direttore sportivo Meluso tra Benzar (a sinistra) e Shakhov

E c’è un aspetto molto positivo in questo nuovo inizio: con l’arrivo di Lapadula e Rossettini, Gabriel, Vera, Benzar e Shakhov, Liverani ha già a disposizione buona parte degli uomini che faranno parte della rosa finale. Dovrebbero arrivare sicuramente un attaccante e un difensore centrale e, chissà, forse anche un terzino destro, oltre ai giovani Simone Lo Faso e Antonino Gallo, poi ci sarà lo sfoltimento con le cessioni dei calciatori che non fanno più parte del progetto ma il mercato di Meluso è pressoché segnato ed il nuovo Lecce è già una realtà.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*