Bufera, grandine e trombe d’aria. Il maltempo mette in ginocchio il Salento

SALENTO- Le province di Taranto, Brindisi e Lecce sferzate da un’ondata di maltempo che ha disseminato danni ovunque. Alberi caduti, pioggia, vento e trombe d’aria: danni ingenti nella zona di Taranto. Gravissi danneggiamenti all’arsenale e a diverse strutture ricettive. La bufera di pioggia e vento è cominciata nel primo pomeriggio di ieri ed è durata sino a sera. Ha colpito le città e molti comuni della provincia. A brindisi le zone più colpite sono state Manduria, Francavilla Fontana e S. Vito dei Normanni. Sul mare brindisino è stata ben visibile una tromba d’aria così come a Gallipoli. Uno scenario da paura con enormi nuvole nere e fulmini tra Brindisi e la zona di Maglie. Molte zone sono rimaste al buio, molte le strade chiuse con le carreggiate invase dagli alberi abbattuti dal forte vento. Forti raffiche di vento hanno colpito anche la zona di Gallipoli e il nord leccese con pali della luce e alberi caduti sulle strade. A Novoli un palo è caduto sui binari.

Non è mancata la grandine che ha colpito le campagne e distrutto le colture. Sono state sette le grandinate con chicchi grandi come palle da biliardo. Tutto questo associato a trombe d’aria e nubifragi, hanno lasciato al loro passaggio uno scenario desolante. Un bilancio pesante quello di Coldirettii. In pochi minuti sono stati sradicati ulivi e alberi tra Brindisi, Mesagne, Carovigno, Francavilla, San Michele Salentino, Latiano, Oria, Lizzano, distrutto tendoni di uva da tavola e serre di ortaggi e canapa tra Taranto, Castellaneta e Ginosa.


 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*