Attanasi (Mrs): “Non possiamo accettare che la stazione di Brindisi subisca questo sfregio”

BRINDISI – “La misura è colma; siamo di fronte ad una realtà che mai avremmo immaginato di dover subire. Brindisi e il Salento trattati come piccoli borghi di periferia. Il perché è presto detto: dal 14 luglio la stazione ferroviaria di Brindisi subirà uno sfregio assurdo, sarà disabilitata e cioè non sarà più presenziata ma sarà telecomandata da Bari. È una scelta che Rete Ferroviaria Italiana fa sullo strascico di una presunta innovazione tecnologica. Così non va, non possiamo tacere e subire. Già concettualmente non possiamo accettarlo perché è una mancanza di rispetto inaudita ma entrando nello specifico non possiamo permettere che dieci persone perdano il posto di lavoro, così come è incredibile che invece di migliorarlo il servizio, si peggiori, e si allunghino anche i tempi di movimentazione delle merci, mettendo in seria difficoltà la competitività dello scalo merci brindisino. Siamo di fronte ad una scelta dissennata che non può passare in secondo piano, a tal proposito invitiamo tutte le autorità locali, tutti i politici salentini, ad attivarsi immediatamente per evitare l’ennesimo scempio ai danni di Brindisi e del Salento. Il 14 luglio è alle porte”. Lo scrive in una nota Giuseppe Attanasi Coordinatore Cittadino del Movimento Regione Salento in merito alla decisione di RFI di disabilitare la stazione di Brindisi.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*