Per Lecce e Brindisi nuovi fondi grazie al contratto tra Puglia e Governo

LECCE-Si chiama Contratto Istituzionale di Sviluppo quello che di concerto con il Governo e le grandi città della Puglia prevede un Piano supplementare di interventi infrastrutturali e non solo, che consentirà alle città e alle province di Lecce e Brindisi, così come già fatto per Taranto, di iniziare più rapidamente rispetto alle normative ordinarie la spesa per la realizzazione di progetti immediatamente cantierabili. L’annuncio a margine dell’Assemblea annuale di Confindustria Lecce da parte del Ministro per il Sud Barbara Lezzi e dal Presidente della Regione Puglia Michele Emiliano insieme ai sindaci di lecce e brindisi Carlo Salvemini e Riccardo Rossi.

Il CIS è uno strumento che gestisce una pluralità di interventi multidisciplinari, ritenuti strategici per lo sviluppo economico, ambientale e sociale del territorio, finalizzati al raggiungimento di obiettivi diversi in base all’ambito settoriale di appartenenza. Nuove importanti risorse quindi che non intaccheranno quelle già stanziate per Xylella e i collegamenti per l’aeroporto di Brindisi. Ora bisognerà individuare delle priorità: per Brindisi quella della decarbonizzazione  e riqualificazione dei quartieri, Lecce invece si concentrerà sulle marine.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*