La denuncia shock: “Violentata in casa”. Arrestato un 35enne

LECCE – Lei, una donna di 42 anni, è stata affidata alle cure dei medici del Vito Fazzi di Lecce, dove tuttora è ricoverata. A mettere in moto le indagini confluite nell’arresto del presunto aggressore, la denuncia sporta in questura: “Sono stata violentata” ha detto. La donna è stata trovata nei pressi di Porta San Biagio confusa e con evidenti tracce ematiche sulle gambe, mentre una prima segnalazione giunta agli agenti la descriveva riversa per terra nei pressi della questura. Chiamata, questa, alla quale è seguita una seconda segnalazione. Una donna spiegava di cercare la sua amica che l’aveva contattata chiedendo aiuto e sostenendo di essere stata violentata.

L’episodio risalirebbe a mercoledì sera. Uno stupro subito all’interno di un’abitazione in pieno centro a Lecce, non lontano dalla sede della Questura e all’interno della quale sarebbe stata consumata anche della sostanza stupefacente. In mattinata, dopo aver raccolto la testimonianza della donna e la descrizione fornita del suo aggressore, gli agenti della squadra mobile sono entrati in azione insieme alle volanti. L’uomo, però, intanto si è presentato spontaneamente presso gli uffici della Questura per raccontare la sua versione dei fatti. Si tratta di un 35enne, italiano, già noto alle Forze dell’Ordine.

Il soggetto era in evidente stato di agitazione dovuta probabilmente all’assunzione di alcool e droga e presentava vistosi graffi e un profondo taglio sull’avambraccio destro che riferiva di essersi procurato da solo con una lametta nel pomeriggio. Le dichiarazioni del giovane sono risultate agli inquirenti prive di fondamento e pertanto è stato tratto in arresto e condotto presso la Casa Circondariale di Lecce.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*