Ballottaggi: Copertino, Mesagne e Ostuni tornano al voto

SALENTO – Al primo turno, il 26 maggio, non hanno ottenuto la maggioranza assoluta ma hanno incassati i consensi maggiori. Sono dunque di nuovo in sfida i candidati a diventare sindaco di Copertino, unico comune al voto in provincia di Lecce a superare i 15mila abitanti, e di Mesagne e Ostuni in provincia di Brindisi.
Si vota dalle 7,00 del mattino alle 23,00. Subito dopo inizierà lo spoglio.
A Copertino la sfida è tra la sindaca uscente, Sandrina Schito, e Vincenzo De Giorgi. La prima, espressione del centrosinistra, il 26 maggio ha ottenuto il 33,86% delle preferenze, con 5.013 voti. La sostengono Partito Democratico, AlbaNuova, Valore Assoluto, Copertino Popolare, +Copertino, Italia in Comune di Pizzarotti, Uniti si Vince, Vivacittà e LiberaMente per Copertino
De Giorgi al primo turno ha ottenuto 3.973 voti, pari al 26,83% di preferenze.
Lui è a capo di una coalizione di liste civiche: Onda D’urto, Andare Oltre, Liberi Popolari, La Svolta con De Giorgi, Noi con De Giorgi, Copertino Nuovo Percorso e Movimento Regione Salento.
Gli altri candidati in corsa alla prima tornata elettorale, Ferdinando Leone, Salvatore Sangiorgi, e Cristina Trinchera, non hanno annunciato ufficialmente alcun apparentamento per il secondo turno.

A Mesagne si affrontano Toni Matarrelli, sostenuto da 9 liste civiche, che al primo turno ha ottenuto il 47,18% delle preferenze, e Rosanna Saracino, espressione del centrosinistra con 5 liste a supporto, che il 26 maggio ha aavuto il 28,06% dei voti.

A Ostuni, il già sindaco Domenico Tanzarella, socialista sostenuto da una coalizione civica di centrosinistra senza però il Partito Democratico, deve vedersela con Guglielmo Cavallo, a capo della coalizione di centrodestra. Al primo turno, Tanzarella ha ottenuto il 42,93% dei voti, e Cavallo il 32,33%.

Affluenza in calo ovunque. A Copertino, alle 19, si è recato alle urne il 34,50 per cento dei cittadini, a fronte del 55,16 per cento del primo turno di due settimane fa. Un dato comunque fisiologico ad ogni turno di ballottaggio, per cui manca il traino dei consiglieri e la sfida è diretta tra i due candidati sindaco più votati nel primo turno.

Nel Brindisino, a Ostuni, affluenza leggermente maggiore, pari al 37,92 per cento a fronte del 57,53 del 26 maggio; a Mesagne, invece, si è 31,67 rispetto al 50,15 del primo turno.

Lo spoglio inizierà subito dopo la chiusura dei seggi.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*