Don Marco Pozza e la comunicazione: i temi che molti preti non toccano

LECCE – Teologo, giornalista, scrittore, autore e conduttore di programmi televisivi e delle lunghe conversazioni con Papa Francesco. Ma soprattutto parroco del carcere “Due Palazzi” di Padova. Don Marco Pozza è noto anche perché parla di temi spesso tabù per la Chiesa. Ha promesso obbedienza, ma non di essere schiavo degli uomini -dice- ha promesso povertà ma non di vivere nella miseria; ha promesso castità, ma non castrazione. È stato battezzato “Don Spritz”, perché ha deciso di evangelizzare conoscendo i giovani della movida padovana, incontrandoli all’orario dell’aperitivo.

È stato invitato a Lecce dal vescovo, mons. Michele Seccia, nell’ambito della rassegna “Dialoghi al Pozzo”, in preparazione alla Giornata mondiale delle comunicazioni. Ma se gli dici che, al momento, sembra essere il miglior comunicatore della Chiesa, lui proprio non ci sta.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*