Processo Arnesano: chiesta la libertà per Narracci

POTENZA – Conclusa la prova a carico, ovvero l’ascolto di tutti i testimoni chiamati dalla procura per le vicende che lo riguardano, i legali di Ottavio Narracci, ex direttore generale dell’Asl Lecce, gli avvocati Placanica e De Pascalis, hanno chiesto la revoca dei domiciliari perché non ci sarebbe più il rischio dell’inquinamento delle prove.

Una richiesta avanzata a conclusione della nuova udienza di giovedi mattina a Potenza per il processo che vede come principale indagato il pm Emilio Arnesano e ribattezzato “favori e giustizia”.

Ieri è stata ascoltata la donna dal cui cellulare sono partiti i messaggi per Narracci con le richieste di raccomandazioni e firmate “la famiglia”, che avrebbe permesso a Narracci di riconoscere il pm.

“Messaggi – ha detto la donna – scritti sotto dettatura”. Un processo che sta ricostruendo le varie fasi dell’inchiesta: dalla compravendita della barca tra Carlo Siciliano e Arnesano, per cui è stato ascoltato l’imprenditore proprietario di un’azienda nautica che ha messo in contatto i due, sino alla battuta di caccia alla quale avrebbero partecipato Arnesano e il primario Giorgio Trianni. In aula è stato ascoltato il proprietario della riserva.

Sull’istanza di scarcerazione per Narracci il giudice si è riservato. Nella prossima udienza, il 6 giugno, altri testimoni: l’avvocatessa Benedetta Martina, i componenti della commissione d’esame per avvocato per il quale Arnesano si sarebbe interessato, e poi il Procuratore Elsa Valeria Mignone, titolare del fascicolo processuale che riguardava Narracci, in seguito alla richiesta di assoluzione del direttore generale da lui avanzata da Arnesano.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*