Stadio: ecco i lavori necessari per la serie A

LECCE (di M.C.) – A tenere in apprensione in queste ultime ore i tifosi giallorossi è la questione stadio.
Giovedì, c’è stato il sopraluogo dell’ex arbitro, l’ingegnere Carlo Longhi, che ha valutato le condizioni della struttura; una verifica di conformità necessaria per ottenere la licenza di iscrizione al campionato di serie A 2019-20.

Le prescrizioni sono quelle che si attendevano e si conoscevano, la prima riguarda i seggiolini laddove manca lo schienale e cioè le due Curve e il settore ospiti ma questi sono lavori che la società giallorossa avrebbe dovuto fare anche in serie B.
C’è da sistemare la situazione che riguarda la Tribuna est che ha l’agibilità fino a dicembre 2019, e quindi servirà una nuova perizia per capire il tipo di intervento da fare per ottenere un nuovo certificato di carico che, per ottenere l’iscrizione al prossimo campionato, dovrebbe essere rilasciato fino a giugno 2020.
Altra prescrizione riguarda l’impianto di illuminazione che già nella scorsa stagione fu adeguato agli standard delle serie B e quest’anno dovrà essere messo a norma secondo le indicazioni e le regole della serie A. Quindi 1650 lux in direzione delle telecamere fisse e 1400 e 1000 lux per le altre esigenze televisive, infine bisognerà mettere a norma l’impianto audio perché al momento la fonica tradizionale e nemmeno quella di emergenza è sufficiente.
Queste sono le aree di intervento urgenti e improrogabili, il resto dei lavori di restalyng non sono interventi necessari ai fini dell’iscrizione al campionato.

Ricordiamo che, come da prassi, in via cautelativa, la società giallorossa ha indicato lo stadio “Scida” di Crotone come impianto alternativo per poter tranquillamente ottemperare all’iscrizione al campionato di serie A.

Si attende però il bando di gara del Comune per l’assegnazione trentennale dello stadio che è ancora fermo, in attesa di essere ultimato, mancherebbe soltanto la perizia affidata a Pierlugi Morano che ha calcolato il valore della struttura tenendo conto anche delle aree di parcheggio adiacenti alla Tribuna Est e alla Tribuna Centrale; tale perizia dovrebbe essere consegnata al Comune nel pomeriggio di giovedì 24 maggio.

Quindi nei prossimi giorni si dovrebbero conoscere i termini del bando e l’US Lecce potrà pensare al futuro. La società di Via Col. Costadura sarebbe pronta ad investire 11 milioni per il restalyng e la messa a norma dello stadio.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*