Zone industriali, la svolta sicurezza: al via la gara per la videosorveglianza

LECCE- Più volte annunciato ma finora mai avviato. Adesso, per il progetto di sicurezza nelle aree industriali leccesi arriva il vero primo passo in avanti: è stata pubblicata la gara d’appalto per i lavori di interventi di sorveglianza, con l’installazione di telecamere intelligenti nelle zone industriali di Lecce-Surbo, Casarano, Nardò-Galatone e Galatina-Soleto, più volte bersagliate dai malviventi. A redigere il bando è il Consorzio Asi, che ha messo per iscritto anche una certa “urgenza di chiudere la procedura”. Il termine di presentazione delle offerte è fissato al 24 giugno e i lavori dovrebbero avere durata massima di 300 giorni. Quindi, salvo intoppi e ricorsi, la svolta dovrebbe arrivare per la prossima primavera.

Un intervento cospicuo quello prospettato: l’importo a base di gara è di 2,3 milioni di euro Iva esclusa e saranno privilegiate le proposte che prevedono sistemi di sorveglianza a circuito chiuso, lettori targa e telecamere collegati ad un centro di controllo e alla rete di trasmissione dati. Sarà data priorità anche alla gestione innovativa dell’assistenza tecnica tramite web call center, telegestione da remoto e sistemi informativi per la gestione delle richieste di intervento.

Gli occhi elettronici saranno posizionati nei punti nevralgici delle aree maggiormente prese d’assalto. Stando al progetto “Azienda Sicura”, finanziato nell’ambito del Pon Legalità, contro i furti e le rapine le telecamere dovrebbero essere anche in grado di rilevare autoveicoli e mezzi di trasporto che stazionano per un tempo rilevato come sospetto o mezzi che si muovono ad alta velocità o che entrano o escono dalle aziende in orari in cui dovrebbero essere chiuse. Questa strumentazione dovrebbe poi essere in grado di inviare l’allarme presso le centrali operative, dove in maniera automatizzata o mediante operatori si potrebbe richiedere l’intervento delle forze dell’ordine.

È la necessità a cui si è giunti dopo i tanti allarmi sull’insicurezza lanciati e i tavoli convocati in Prefettura in seguito agli episodi di aziende depredate dei mezzi di lavoro e camion assaltati. Solo per restare nell’area Lecce-Surbo e solo negli ultimi mesi, la ditta Gls corriere espresso ha subito due rapine, una a ottobre e l’altra il 22 dicembre, quando il tentativo di furto è fallito ma quattro banditi armati hanno sottratto la pistola d’ordinanza ad una guardia giurata. A febbraio, è stata presa di mira la Itoprem Srl, azienda che distribuisce materiali edili, dalla quale due anni prima era stato già trafugato un autocarro con annessa gru. A marzo, in tre, indossando tute da meccanico, hanno cercato di svaligiare la sede della Asti Engineering su Viale Marcello Chiatante: la scena è stata immortalata dalle telecamere aziendali e solo l’arrivo della vigilanza ha scongiurato il peggio.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*