Omicidio nella notte. 28enne freddato con un colpo di pistola alla gola. Arrestato l’assassino

MAGLIE-Raggiunto da un proiettile che gli ha perforato la gola, ucciso in via Don Luigi Sturzo a Maglie, davanti ad alcuni testimoni, al culmine di una lite. E’ morto così Mattia Capocelli, 28 anni di Maglie, arrivato in condizioni disperate nell’ospedale di Scorrano alle 2 del mattino e deceduto alle 3.15. I medici non hanno potuto far nulla per salvarlo. E’ stata la dottoressa in servizio nel Pronto Soccorso, dove il giovane è stato portato dagli amici, ad allertare i carabinieri arrivati poco dopo sul posto. Gli investigatori hanno presto chiuso il cerchio attorno all’assassino grazie a riscontri, ascolto di testimoni e visione dei filmati delle telecamere presenti in zona.

Dopo una notte in fuga l’autore dell’omicidio si è costituito: si tratta di Simone Paiano di 25 anni, anche lui di Maglie. E’ stato fermato con l’accusa di omicidio e dopo l’interrogatorio con il pm di turno Maria Consolata Moschettini e con il coordinatore della Dda Guglielmo Cataldi è stato portato in carcere. Ha confessato dichiarando di aver sparato per difendersi da un agguato.

Ai militari che lo hanno ascoltato ha raccontato di essere stato accerchiato da più persone e di essere stato aggredito con una lama. Solo a quel punto avrebbe- secondo la versione fornita in presenza del suo avvocato Dimitry Conte- estratto la pistola e sparato, nel tentativo di colpire il 28enne alla spalla. “Non volevo ucciderlo- ha detto- ma ferirlo. Solo questa mattina ho saputo che Mattia era morto”.

Le indagini dei carabinieri di Maglie e del Reparto Operativo e del Nucleo Investigativo di Lecce erano scattate immediatamente. L’agguato è avvenuto all’1.15 nei pressi di un furgoncino di panini dove erano presenti, oltre alla vittima, anche altri avventori. Capocelli era un volto noto alle forze dell’ordine e in passato era stato anche arrestato. La sua salma si trova ora nell’ospedale Vito Fazzi dove nelle prossime ore sarà eseguita l’autopsia.

Anche Paiano aveva avuto precedenti con la giustizia.

M.Cos.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*