La grande sfida: nel Salento 37 Comuni al voto, 7 escono dal commissariamento

SALENTO – In 7 palazzi di città tra Lecce, Brindisi e Taranto i commissari cederanno il posto ad un sindaco. L’appuntamento alle urne fissato per il 26 maggio prossimo per questi Comuni del Salento ha un sapore nettamente diverso. Per 6 di loro lo scioglimento è il frutto di una crisi dell’amministrazione reggente. Per uno, Parabita (grande assente alla scorsa tornata elettorale) è la diretta conseguenza dell’inchiesta sulle infiltrazioni di stampo mafioso.

In tutto saranno 37 i Comuni salentini chiamati al voto in primavera, su 67 Comuni pugliesi pronti alla sfida alle urne. Il turno di ballottaggio è previsto per il 9 giugno. Tempo fino a sabato per depositare le liste, dunque si affinano i dettagli.

In provincia di Brindisi il rinnovo amministrativo coinvolgerà 3 Comuni: Mesagne (la cui amministrazione è caduta lo scorso 22 gennaio con la maggioranza dimissionaria), Ostuni e Villa Castelli. 68.500 circa gli elettori.

Nel Tarantino l’appuntamento elettorale interesserà 5 Comuni: Carosino, Faggiano, Maruggio e poi Leporano e Roccaforzata, questi ultimi due commissariati. Oltre 25 mila gli elettori.

La sfida più grande si terrà nel Leccese dove sono in 29 i Comuni pronti alla sfida, incluso il capoluogo, con circa 228 mila e 500 elettori in tutto. A Lecce, Novoli e Campi a fare le valigie saranno i commissari, tutti subentrati alla caduta dell’amministrazione in carica. A Parabita, invece, sarà l’occasione per voltare pagina: il sindaco vincente prenderà il posto della commissione prefettizia, intervenuta nel febbraio 2017 per far decantare l’aria dopo la bufera su presunti condizionamenti legati alla malavita organizzata.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*