Liverani: “Giochi sempre aperti, Carpi partita fondamentale”

Fabio Liverani, 42 anni, allenatore del Lecce

CREMONA – (di Tonio De Giorgi) Il Lecce torna a casa a mani vuote e con il rimpianto di aver giocato in inferiorità per un tempo e mezzo. “Credo sia stata una partita un po’ viziata dagli episodi – afferma Liverani in sala stampa -, siamo partiti molto bene, abbiamo tenuto il pallino del gioco colpendo un palo con La Mantia; nell’episodio dell’espulsione  Vigorito è scivolato. Con l’uomo in meno e la terza partita in una settimana, senza dimenticare anche quella con l’Ascoli, la mia squadra ha mantenuto tuttavia una buona organizzazione e ha lottato con il cuore”. Il vantaggio dei padroni di casa è arrivato solo a metà secondo tempo e, il raddoppio, undici minuti dopo. La firma è quella di Strizzolo che in questa stagione, ma con la maglia del Cittadella aveva già fatto gol ai giallroossi. “Per loro si è messa in discesa – aggiunge -, non è stato così difficile. Però noi non abbiamo mollato, non ci siamo allungati, ma loro hanno trovato il raddoppio e la partita è finita lì. Il risultato è dovuto agli episodi mentre per la prestazione non posso che ringraziare i miei giocatori”. Il Lecce, nonostante la sconfitta, conserverà il secondo posto anche dopo il posticipo di lunedì tra Palermo e Hellas Verona; una delle due, in caso di vittoria, potrebbe avvicinarsi alla squadra di Liverani che rispetto a Brescia e Palermo deve ancora riposare e ha quindi una partita in più. “Anche se avessimo vinto o pareggiato non ci sarebbe stato nulla di definitivo – ribadisce -, magari ce li andremo a prendere da qualche altra parte questi punti che oggi abbiamo perso sul campo, non per la prestazione, ma per episodi. Ci lecchiamo le ferite e torniamo a casa per preparare la partita di Carpi. torno a casa sicuramente senza punti, ma con tante certezze e ho molta fiducia”. Adesso il pensiero va al prossimo avversario, il Carpi. Contro gli emiliani Liverani dovrà rinunciare a Vigorito, a La Mantia (per loro squalifica in arrivo, ndr) mentre sono da verificare le condizioni di Calderoni. “La Mantia, secondo me, ha preso un giallo generoso da parte dell’arbitro – conclude -, però adesso pensiamo al Carpi che per noi è una partita fondamentale”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*