Scontri tra tifosi leccesi e brindisi: 11 assoluzioni e tre condanne

BRINDISI- 11 assoluzioni e tre condanne lievi, dai 9 ai 10 mesi, per gli imputati nel processo con rito abbreviato nato in seguito agli scontri tra tifosi leccesi e brindisini. L’udienza oggi nel tribunale di Brindisi. Davanti al gup sono comparsi i tifosi individuati tra i responsabili dei disordini avvenuti ad agosto del 2017, prima della gara valevole per il campionato di serie C fra Virtus Francavilla e Lecce nello stadio Fanuzzi di Brindisi. Per quell’episodio, sul quale aveva indagato la Squadra Mobile, erano stati già condannati i due leccesi Moreno Colella, 37enne e Sandro Quarta, 42enne, arrestati dopo essere stati individuati attraverso i fotogrammi di alcuni video in mano alla polizia. Tutto era accaduto un paio d’ore prima della gara nell’area di servizio Agip sulla superstrada Lecce – Brindisi, all’altezza dello svincolo per i rioni Bozzano e La Rosa e sarebbe nato da un botta e risposta tra un gruppo di tifosi brindisini e un gruppo di leccesi in coda sulla statale. I supporter leccesi erano scesi dall’auto per raggiungerli, erano nati dei tafferugli, e la polizia era intervenuta immediatamente. Uno degli agenti della aveva anche sparato dei colpi in aria per allontanare i facinorosi. La colluttazione era sfociato poi nella violenza, tanto che alcuni poliziotti erano rimasti feriti ed avevano dovuto far ricorso alle cure dei medici. Qualcuno aveva anche acceso dei fumogeni.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*