Emiliano premia Richard, il giovane nigeriano “eroe”

BARI-Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano ha consegnato questo pomeriggio, presso la sede della Presidenza regionale, il premio “Radice di Puglia” a Richard Iyere, il cittadino nigeriano che lo scorso 16 febbraio, in occasione di una rapina avvenuta nel supermercato “Sisa” di via Alfieri a Gallipoli ha bloccato il rapinatore, consentendone l’arresto. Richiard, grazie al proprietario del supermercato, Mauro Gaetani, che ha deciso di assumerlo, ha ora un posto di lavoro. “Gli atti che facciamo – ha detto Emiliano – sono normalmente il frutto di una lunga educazione che evidentemente ciascuno di noi ha avuto. Ognuno di noi, quando è educato dai suoi familiari, dal suo Paese, mette insieme una serie di valori e di principi che, ad un certo punto della vita, vengono concretamente applicati, partendo direttamente dal cuore. Questo è quello che è successo a Richard, ma questo è quello che è successo anche a Mauro Gaetani. Sono orgoglioso di te, Richard, e sono orgoglioso anche di Mauro perché l’umanità ha tante cose belle da raccontare”.

“Tu non sei pugliese di nascita – ha concluso il presidente Emiliano – però oggi ti diamo un premio che si chiama Radice di Puglia, il che significa che tu oggi sei una di quelle cose alle quali noi ci teniamo per non essere spazzati via. Tu ci dai una mano ad essere come vogliamo essere. Ci hai aiutato in un momento difficile e, ne siamo certi, ci aiuterai anche in futuro e noi cercheremo di dare una mano a te. Se tutta l’umanità applicasse queste regole, io credo che potremmo vivere più felici e avere molti più risultati positivi. Grazie Richard, grazie Mauro”.

Il premio “Radice di Puglia”, istituito con decreto del Presidente della Giunta Regionale, è riconosciuto – tra l’altro – in favore di persone che si sono distinte per la diffusione di ideali di onestà e per il conseguimento di significativi risultati nel settore sociale, valorizzando e diffondendo l’immagine della Puglia.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*