Direzione primarie, a Copertino summit anche per Lecce

LECCE – Non un vertice ufficiale, ma un meeting per le amministrative di Copertino che automaticamente ingloberà la riflessione sul capoluogo, primarie in primis. In serata l’incontro tra Fratelli d’Italia, Lega e Forza Italia fuori città non può non avere all’ordine del giorno i prossimi passi della coalizione del Centrodestra leccese. Unici assenti, probabilmente, i fittiani. Intanto se da una parte la triade pro consultazioni si attiva per stilare il regolamento, dall’altra la posizione degli azzurri resta un interrogativo aperto. Da una parte la segreteria provinciale nettamente contraria a quest’ipotesi, dall’altra il pressing degli ex consiglieri forzisti che al partito chiedono di rivedere la propria posizione.

In ogni caso il gruppo di lavoro per mettere nero su bianco una sorta di codice etico al quale attenersi sarebbe costituito da avvocati amministrativisti. Uno per ogni partito in campo. I fittiani avrebbero già scelto il proprio rappresentante: si tratta di Giovanni Garrisi, legale e già consigliere comunale nell’era Perrone.

Anche i nomi pronti a sfidarsi restano un rebus. Secondo i rumors oltre al consigliere regionale Saverio Congedo e l’ormai civico Gaetano Messuti, anche l’ex assessore all’ambiente Andrea Guido potrebbe far parte della rosa dei papabili concorrenti.

Entra a gamba tesa nel dibattito interno alla coalizione il Movimento Regione Salento. Il messaggio è chiaro: chi impone le primarie rompe il Centrodestra.

Uno strumento che ben si addice a pratiche clientelari” così lo definiscono i coordinatori provinciale e cittadino, Montinaro e Serafino. “Un metodo – aggiungono – basato sulla prevaricazione da parte di minoranze organizzate. Le imposizioni dei notabili questa volta non faranno breccia. Nessuna altra voce, se non quella di Adriana Poli Bortone, si è alzata dal centrodestra leccese che parlasse dei problemi di questa città che l’esperienza Salvemini ha paralizzato. Sia chiaro – concludono – se qualcuno vuole rompere il centrodestra imponendo la farsa delle primarie , quel qualcuno non è certo il mondo dei movimenti e del civismo“.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*