Ultraleggero precipitato: disposta l’autopsia

UGENTO-Due comunità sconvolte quella di Gagliano del Capo e quella di Melissano colpite dalla tragedia avvenuta nelle campagne tra Gemini e Ugento: lo schianto di un ultraleggero al suolo domenica pomeriggio e la morte del pilota Tommaso Arbace, noto imprenditore di 73 anni e di Gianluca Causo, 42 anni, il passeggero del velivolo biposto partito dalla pista di Gemini alle 15 30. Il pm inquirente ha disposto l’autopsia sui corpi delle due vittime e nominato un perito che è già stato sul posto insieme ai carabinieri per tutti gli accertamenti. Dei testimoni hanno visto, prima delle 17, il velivolo avvitarsi e precipitare. Poi lo schianto in una campagna nei pressi di via della repubblica. All’arrivo dei soccorsi non c’era più nulla da fare. Una delle prime ipotesi avanzate fa ritenere che si sia trattato di un errore umano in fase di atterraggio, anche se non si esclude un guasto tecnico. Ma questo saranno le successive perizie a stabilirlo. Il magistrato di turno ha infatti disposto il sequestro del piccolo aereo.

Durante il tragitto l’ultraleggero, ben equipaggiato dal punto di vista tecnico strumentale, ha sorvolato anche Santa Maria di Leuca, e ha proceduto con regolarità seguendo un piano strumentale a velocità ed altezza standar. Lo schianto non ha lasciato scampo ai due uomini e i soccorritori non hanno potuto far altro che estrarre i corpi dalle lamiere. Le indagini sono condotte dai carabinieri della compagnia di Casarano.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*