Cosa vedere in due giorni ad Amsterdam

Cosa vedere in un weekend ad Amsterdam? Domanda senz’altro lecita, ma a cui è difficile rispondere. Perché se la prima cosa da vedere ad Amsterdam è Amsterdam stessa – con le sue atmosfere, le case a schiera, l’intrico di canali – è anche vero che ci sono tanti punti di interesse tra cui scegliere, se si dispone soltanto di 48 ore. E allora meglio concentrarsi sui classici: Piazza Dam, costruita intorno al 1270 per ospitare il mercato, è senz’altro un buon inizio, magari abbinata a una vista al Palazzo Reale (se volete avere un’idea di cosa vi aspetta, a questo link potete fare un tour virtuale). Non lontana da Dam, la stazione Centrale di Amsterdam consente il transito giornaliero di circa 1500 treni; costruita su tre isole artificiali, è trafficata di giorno ed elegantissima di notte. Un’opera d’arte che non potete perdere.

Poi ci sono i musei: la casa di Anna Frank, che vi farà toccare con mano l’orrore di uno dei periodi più bui della storia, quello di Van Gogh, che consente di ammirare la collezione più importante al mondo dedicata all’artista olandese, e ovviamente il Rijksmuseum, famoso per l’esposizione di arte fiamminga e asiatica. Per evitare di grattare soltanto la superficie, sceglietene due e visitate bene quelli. Se invece la giornata è più da passeggiata all’aperto, optate per una visita a Jordaan o per scoprire il Vondelpark, uno dei parchi cittadini più belli del mondo; e poi siete ad Amsterdam, quindi nel quartiere a luci rosse ci dovete passare, a prescindere dalle vostre intenzioni. Sarà anche un’ottima scusa per visitare la Chiesa Vecchia, la più antica di tutta la città.

Un ultimo consiglio: se avete solo 48 ore per vedere tutte queste cose, cercate di scegliere un hotel o un B&B abbastanza centrale, oppure servito dai mezzi pubblici. Su siti come Expedia potete confrontare i migliori e affinare la ricerca in base alle zone: approfittatene!

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*