Il soccorritore tenta di violentarla, terrore per la vittima di un incidente

TAURISANO – Si ferma per prestare soccorso ad una donna rimasta vittima di un sinistro, ma tenta di violentarla e rapinarla. Per questo, grazie alle indagini degli agenti è finito in manette un 24enne.
Gli uomini della Volante sono intervenuti alle 5e30 del mattino sulla litoranea ionica a seguito della segnalazione di un sinistro. Sul posto anche i Vigili del Fuoco di Gallipoli, intervenuti per rimuovere un’auto cappottata.
Dalle prime indagini i poliziotti acquisiscono l’informazione che l’auto era guidata da una donna e che, peraltro, era stata aggredita da un soccorritore.
Raggiunta l’abitazione della vittima dell’aggressione, i poliziotti hanno la conferma dei fatti attraverso il racconto diretto della malcapitata
Questa, rasserenata dall’intervento immediato dei poliziotti è riuscita, nonostante lo shock subito, a fornire agli agenti una precisa descrizione somatica dell’aggressore che è servita, seppur con non poche difficoltà, a rintracciare l’uomo autore del reato. In particolare la donna ha riferito che per evitare l’impatto con un animale ha frenato e, a causa dell’asfalto viscido, ha perso il controllo del veicolo, andando a finire sulla corsia opposta.
La speranza di un soccorso è riuscita ad averla raggiungendo il centro abitato dove ha visto sopraggiungere un veicolo alla cui guida c’era un uomo che, sin da subito, si è adoperato ad aiutarla. I primi sospetti sulle reali intenzioni dell’uomo di aiutare la donna, però, sono nati quando quest’ultima ha notato una bottiglia di vino tra le gambe dell’uomo. Il sospetto è diventato subito incubo quando l’uomo ha iniziato ad accarezzarla. A quel punto per sottrarsi a questo “strano” approccio si è buttata fuori dalla macchina nel tentativo di fuggire alla violenza del presunto soccorritore che poi l’ha raggiunta tentando di violentarla. La forza della vittima di resistere all’aggressione sessuale ha fatto desistere l’uomo che poi è fuggito non dopo però essersi impossessato del borsello.
Grazie alla visione dei filmati delle telecamere di videosorveglianza, i poliziotti hanno rintracciato il 24enne, che alla vista degli uomini in divisa ha anche tentato di fuggire, ma invano.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*